Meteorite di Chelyabinsk: scoperti cristalli mai visti prima

Il bagliore provocato dal meteorite di Chelyabinsk nella Russia meridionale

I ricercatori hanno scoperto due tipi di cristallo mai visti prima, nascosti in minuscoli granelli di polvere di meteorite perfettamente conservata. La polvere, custodita sotto due strati di neve, è stata rilasciata da un’enorme roccia spaziale esplosa su Chelyabinsk, in Russia, nove anni fa. Il 15 febbraio 2013, un asteroide di 18 metri di diametro e dal peso di 12.125 tonnellate è entrato nell’atmosfera terrestre a circa 66.950 km/h. 

Fortunatamente, la meteora esplose a circa 23Km sopra la città di Chelyabinsk, nella Russia meridionale, inondando l’area circostante di minuscoli meteoriti ed evitando una colossale collisione singola con la superficie. Gli esperti all’epoca descrissero l’evento come un enorme campanello d’allarme sulla minaccia che gli asteroidi rappresentano per la Terra.

Il meteorite di Chelyabinsk

L’esplosione della meteora di Chelyabinsk è stata la più grande esplosione registrata avvenuta nell’atmosfera terrestre, dall’evento Tunguska nel 1908. Secondo la NASA è esploso con una forza 30 volte maggiore della bomba atomica che distrusse Hiroshima. Le riprese video dell’evento, hanno mostrato la roccia spaziale bruciare in un lampo di luce che per alcuni istanti è stato più luminoso del Sole, prima di creare un potente boom sonico che ha rotto i vetri, danneggiato edifici e ferito circa 1.200 persone nella città sottostante. 

Il servizio mandato in onda il giorno dopo dalla CNN. Credit: CNN

I ricercatori sono riusciti ad analizzare i minuscoli frammenti di roccia creati a seguito dell’esplosione della meteora. Normalmente, le meteore producono una piccola quantità di polvere mentre bruciano nell’atmosfera. I granelli vengono persi perché troppo piccoli, sono trasportati dal vento dal vento, cadono in acqua o vengono contaminati dall’ambiente. In questo caso, l’esplosione ha prodotto un enorme pennacchio di polvere rimasto sospeso nell’atmosfera per più di 4 giorni prima di piovere sulla superficie terrestre. 

Fortunatamente, gli strati di neve caduti poco prima e dopo l’evento hanno intrappolato e conservato alcuni campioni di polvere. I ricercatori si sono imbattuti nei nuovi tipi di cristallo quasi per caso. Mentre esaminavano i granelli di polvere al microscopio standard, una di queste minuscole strutture era casualmente a fuoco proprio al centro di uno dei vetrini quando un membro ha sbirciato attraverso l’oculare.   

Le analisi dei cristalli

Dopo aver analizzato la polvere con microscopi elettronici più potenti, il team di ricerca ha trovato molti di questi cristalli. “Trovare i cristalli usando un microscopio elettronico è stato piuttosto difficile a causa delle loro piccole dimensioni”, hanno scritto i ricercatori nell’articolo (rif.), pubblicato il 7 maggio su The European Physical Journal Plus. I nuovi cristalli presentano due forme distinte: conchiglie quasi sferiche e aste esagonali, che sono entrambe “peculiarità morfologiche uniche”, hanno scritto i ricercatori nello studio. 

La struttura tridimensionale del Fullerene C60

Ulteriori analisi utilizzando i raggi X hanno rivelato che i cristalli sono costituiti da strati di Grafite che circondano un nanocluster centrale nel cuore del cristallo. I ricercatori suppongono che il nanocluster sia dal buckminsterfullerene (C60). Il fullerene è una struttura di 60 atomi di carbonio simile ad una griglia sferica.

Il team sospetta che i cristalli si siano formati nelle condizioni di alta temperatura e alta pressione create dalla rottura della meteora, sebbene il meccanismo esatto non sia ancora chiaro. In futuro, gli scienziati sperano di rintracciare altri campioni di polvere di meteorite da altre rocce spaziali, per vedere se questi cristalli sono un sottoprodotto comune delle rotture di meteoriti o sono unici per l’esplosione di meteoriti di Chelyabinsk.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.