NASA scelti i siti per l’allunaggio

La NASA ha identificato i 13 siti di allunaggio per la missione spaziale Artemis 3 che riporterà l'uomo sulla Luna
La foto mostra un rendering delle 13 regioni di atterraggio candidate per Artemis III. Ogni regione è di circa 15 per 15 chilometri. Un sito di atterraggio è un luogo all’interno di quelle regioni con un raggio di circa 100 metri. Credit: NASA

Mentre la NASA si prepara a rimandare gli astronauti sulla Luna con il programma Artemis (29 Agosto), l’agenzia ha identificato 13 siti candidati all’allunaggio vicino al Polo Sud lunare. Ogni regione contiene più potenziali siti di atterraggio per Artemis 3. Sarà la prima delle missioni Artemis a portare l’equipaggio sulla superficie lunare, inclusa la prima donna a mettere piede sulla Luna.

“Selezionare queste regioni significa che siamo un passo da gigante verso il ritorno degli esseri umani sulla Luna per la prima volta dal programma Apollo”, ha affermato Mark Kirasich, vice amministratore associato per la Divisione di sviluppo della campagna Artemis presso la sede della NASA. “Quando lo faremo, sarà diverso da qualsiasi missione precedente, poiché gli astronauti si avventurano in aree oscure precedentemente inesplorate dagli umani e gettano le basi per futuri soggiorni a lungo termine”.

I 13 siti scelti dalla NASA per un futuro allunaggio

La NASA ha identificato le seguenti regioni candidate per un allunaggio di Artemis 3:

  • Faustini Rim A
  • Picco vicino a Shackleton
  • Cresta di collegamento
  • Collegamento dell’estensione della cresta
  • de Gerlache Cerchio 1
  • de Gerlache Rim 2
  • massiccio de Gerlache-Kocher
  • Haworth
  • Massiccio Malapert
  • Altopiano di Leibniz Beta
  • Bordo Nobile 1
  • Nobile Rim 2
  • Amundsen Rim

Ognuna di queste regioni si trova entro sei gradi di latitudine dal Polo Sud lunare e, collettivamente, contengono diverse caratteristiche geologiche. Tutti siti forniscono opzioni di atterraggio per le potenziali opportunità di lancio di Artemis 3. I siti di allunaggio specifici sono strettamente legati ai tempi della finestra di lancio, quindi più regioni garantiscono la flessibilità per il lancio durante tutto l’anno.

Per selezionare le regioni, un team di scienziati e ingegneri dell’intera agenzia ha valutato l’area vicino al Polo Sud lunare utilizzando i dati del Lunar Reconnaissance Orbiter (rif.) della NASA e decenni di pubblicazioni e scoperte di scienza lunare. Oltre a considerare la disponibilità della finestra di lancio, il team ha valutato i siti in base alla loro capacità di consentire un atterraggio sicuro, utilizzando criteri tra cui pendenza del terreno, facilità di comunicazione con la Terra e condizioni di illuminazione. Per determinare l’accessibilità, il team ha anche considerato le capacità combinate del razzo Space Launch System (SLS), della navicella spaziale Orion e del sistema di atterraggio umano Starship fornito da SpaceX.

Il Polo Sud lunare

Tutti siti considerati, sono scientificamente significative per la loro vicinanza al Polo Sud lunare, che è un’area che contiene regioni permanentemente in ombra ricche di risorse e di terreni inesplorati dall’uomo. “Molti dei siti proposti dalla NASA per l’allunaggio, si trovano tra alcune delle parti più antiche della Luna. Queste insieme alle regioni permanentemente in ombra, offrono l’opportunità di conoscere la storia della Luna attraverso materiali lunari non studiati fin ora”, ha affermato Sarah Noble, capo della scienza lunare per la divisione di scienze planetarie della NASA.

Il team di analisi ha valutato altri criteri di atterraggio con obiettivi scientifici di Artemis 3, incluso l’obiettivo di atterrare abbastanza vicino a una regione costantemente in ombra da consentire all’equipaggio di condurre una passeggiata lunare, limitando al contempo i disturbi durante l’allunaggio. Tutto questo consentirà all’equipaggio di raccogliere campioni e condurre analisi scientifiche in un’area senza compromessi, fornendo importanti informazioni sulla profondità, la distribuzione e la composizione del ghiaccio d’acqua che è stata confermata al Polo Sud della Luna.

Il team ha identificato i siti che possono soddisfare l’obiettivo del “moonwalk” garantendo la vicinanza a regioni permanentemente in ombra e ha anche tenuto conto di altre condizioni di illuminazione. Tutte le 13 regioni contengono siti che forniscono un accesso continuo alla luce solare per un periodo di 6,5 giorni, la durata prevista della missione Artemis 3. L’accesso alla luce solare è fondamentale per un soggiorno a lungo termine sulla Luna perché fornisce una fonte di energia e riduce al minimo le variazioni di temperatura.

L’allunaggio come punto di partenza

“Sviluppare un progetto per esplorare il Sistema Solare significa imparare a utilizzare le risorse a nostra disposizione preservando al contempo la loro integrità scientifica”, ha affermato Jacob Bleacher, scienziato capo dell’esplorazione della NASA. “Il ghiaccio d’acqua lunare è prezioso dal punto di vista scientifico e anche come risorsa, perché da esso possiamo estrarre ossigeno e idrogeno per i sistemi di supporto vitale e il carburante”.

La NASA discuterà delle 13 siti di allunaggio con la comunità scientifica ed ingegneristica attraverso conferenze e seminari per sollecitare input sui meriti di ciascuna regione. Questo feedback informerà le selezioni dei siti in futuro e la NASA potrebbe identificare ulteriori regioni da prendere in considerazione. L’agenzia continuerà anche a lavorare con SpaceX per confermare le capacità di atterraggio di Starship e valutare di conseguenza le opzioni.

La NASA selezionerà i siti per Artemis 3 dopo aver identificato le date di lancio target della missione, che determinano le traiettorie di trasferimento e le condizioni ambientali della superficie. Attraverso Artemis, la NASA farà sbarcare la prima donna e la prima persona di colore sulla Luna, aprendo la strada a una presenza lunare sostenibile a lungo termine e fungendo da trampolino di lancio per le future missioni di astronauti su Marte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *