Artemis 1: lancio rimandato

La rampa di lancio con il vettore SLS della NASA per la missione Artemis I
Una vista mattutina dello stack Artemis 1 sulla rampa di lancio il 29 agosto 2022. Credit: NASA

Un problema di raffreddamento, sul gigantesco razzo della NASA, ha costretto l’agenzia a sospendere l’atteso lancio del vettore. I tecnici dell’agenzia stavano alimentando lo Space Launch System (SLS) per lanciare la missione lunare Artemis 1, quando i controller di lancio, non sono stati in grado di raffreddare uno dei quattro motori principali. Il problema, ha bloccato il countdown ed i piani per lanciare il razzo SLS e la sua navicella spaziale Orion in un volo di prova di 42 giorni intorno alla Luna. Il lancio di Artemis 1 calendarizzato poche ore fa è stato rimandato a data da destinarsi.

La procedura di venting

Raffreddare i motori del razzo SLS prima di far fluire idrogeno liquido criogenico e ossigeno è un passaggio necessario affinché il razzo possa essere lanciato. Mentre tre dei motori hanno superato il test, il motore n. 3 non l’ha superato, nonostante gli sforzi per risolvere il problema. “I controller di lancio condizionano i motori aumentando la pressione sui serbatoi dello stadio centrale per far fluire parte del propellente criogenico ai motori per portarli nell’intervallo di temperatura corretto per avviarli”, hanno affermato i funzionari della NASA in una nota (rif.) “Il motore 3 non viene adeguatamente condizionato durante il processo di spurgo e gli ingegneri stanno risolvendo il problema” hanno aggiunto. Tutti e quattro questi motori, volavano sul programma di veicoli riutilizzabili Shuttle della NASA.

Secondo il portavoce della NASA Derrol Nail, il condizionamento del motore non era qualcosa che il team poteva verificare durante i test conclusi a Giugno. “Questo è un evento che volevamo testare durante Wet Dress 4, ma non siamo stati in grado di farlo”, ha detto Nail. “In realtà questa è stata la prima opportunità per il team di testarlo live. Secondo gli ingegneri, è un problema particolarmente complicato, per questa ragione abbiamo rimandato il lancio di Artemis 1″.

Un immagine della sommità del razzo SLS durante le fasi di venting. Credit: NASA

Il problema del motore n. 3 è emerso quando la NASA aveva già superato altre problematiche sorte durante il conto alla rovescia. Il vettore della missione Artemis 1 presentava nell’ordine: una perdita di idrogeno liquido all’inizio del processo di rifornimento ed una possibile crepa in una parte del booster del nucleo nota come flangia intertank. Questa flangia collega i giganteschi serbatoi di idrogeno liquido e ossigeno liquido di SLS. I serbatoi possono contenere un totale di 730.000 galloni (3,3 milioni di litri) di propellente.

Numerosi problemi per Artemis 1

“Le flange sono giunti di connessione che funzionano come una cucitura su una maglietta, sono fissate nella parte superiore e inferiore dell’intertank in modo che i due serbatoi possano essere attaccati ad esso”, ha affermato la NASA nell’aggiornamento. Gli ingegneri della NASA hanno scoperto che la crepa era in realtà nella schiuma isolante sulla flangia, non nella struttura metallica del razzo. “Quel ghiaccio che si è formato è essenzialmente aria che viene raffreddata dal serbatoio che rimane intrappolato all’interno di una crepa nella schiuma, ma non dal serbatoio vero e proprio”, ha detto Nail. 

I problemi del motore n. 3 e il temuto crack hanno seguito le preoccupazioni per una perdita di idrogeno liquido nel razzo. La perdita durante il processo di rifornimento è apparsa simile a quella verificatasi durante un test di rifornimento di SLS all’inizio dell’anno. Ma i funzionari della NASA non si sono affrettati a giudicare. “Sebbene un problema simile sia stato identificato in una precedente testo completo, potrebbe non essere necessariamente la stessa causa”, hanno scritto i funzionari della NASA in un successivo aggiornamento (rif.).  

La NASA ha interrotto e riavviato il flusso di idrogeno liquido nel serbatoio nel tentativo di verificare la perdita e ha persino proceduto ad alimentare lo stadio superiore del razzo alto 98 metri, mentre gli ingegneri lavoravano al problema. Anche prima di alimentare il razzo SLS, la NASA ha affrontato problemi durante il conto alla rovescia, prontamente fermato a -40 min. Tempeste in mare aperto e fulmini all’orizzonte hanno ritardato il rifornimento del razzo SLS di quasi un’ora, costringendo i controllori di lancio a lavorare per recuperare il tempo perso. 

Artemis 1 lancio rimandato a sabato 3 Settembre

Con la NASA impossibilitata a lanciare oggi, l’agenzia potrebbe riprovarci in uno dei due giorni di riserva. Se l’agenzia risolve il problema del motore n. 3, potrebbe provare sabato 3 Settembre o 5 Settembre, tempo permettendo. Se la NASA non può essere lanciata entro il 5 settembre, il suo prossimo tentativo di lancio sarebbe probabilmente in Ottobre, hanno affermato i responsabili della missione. 

Le opportunità di lancio sono limitate dalle fasi lunari e dalle condizioni di illuminazione al rientro. “La prima opportunità, a seconda di cosa succede con questo problema al motore, sarebbe il 3 settembre” ha affermato Nail. Artemis 1 invierà una capsula Orion senza equipaggio in orbita lunare e ritorno, in una missione che impiegherà sei settimane dal decollo all’atterraggio. Sarà il primo volo per l’SLS a lungo ritardato e il secondo per Orion, che ha fatto un breve viaggio nell’orbita terrestre nel 2014.

Rappresentazione dei manichini inseriti nella navicella Orion lanciata durante la missione Artemis 1. Credit: NASA

Artemis 1 sarà anche la prima missione per il programma Artemis della NASA , che mira a stabilire una presenza umana sostenibile a lungo termine sulla Luna e attorno a essa. Se tutto andrà bene con Artemis 1, la NASA sarà libera di iniziare a prepararsi per Artemis 2, che invierà gli astronauti in un viaggio intorno alla Luna. La NASA punta al 2024 per il decollo di Artemis 2 e al 2025 o 2026 per Artemis 3, che farà atterrare gli astronauti sulla Luna per la prima volta dall’ultima missione Apollo nel 1972.

1 comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *