Comete: 118P/Shoemaker-Levy

Le comete sono oggetti molto imprevedibili, poiché la loro luminosità dipende dalla dispersione della luce solare dalle particelle di polvere nella chioma e nella coda. Queste polveri, fluiscono continuamente via dal nucleo e la densità è determinata dalla velocità di sublimazione del ghiaccio riscaldato dai raggi del Sole. Di conseguenza, mentre le posizioni future delle comete sono note con un alto grado di confidenza, la loro luminosità futura non lo è.

I nuclei cometari possono variare dalle centinaia di metri fino a cinquanta e più chilometri e sono composti da roccia, polvere e ghiacci d’acqua e di altre sostanze, comunemente presenti sulla Terra allo stato gassoso, quali monossido di carbonio, anidride carbonica, metano e ammoniaca. Sono spesso chiamate “palle di neve sporca”, soprannome dato da Fred Whipple, creatore della teoria cometaria. Le comete sono composte inoltre da una varietà di composti organici: oltre ai gas già menzionati, sono presenti metanolo, acido cianidrico, formaldeide, etanolo ed etano e anche, forse, composti chimici dalle molecole più complesse come lunghe catene di idrocarburi e amminoacidi.

118P/Shoemaker-Levy, è una cometa periodica appartenente alla famiglia delle comete gioviane. L’oggetto celeste è la quarta periodica di nove scoperta dal terzetto Eugene ShoemakerCarolyn Jean Spellmann Shoemaker e David Levy. La scoperta è avvenuta il 9 febbraio 1991, a seguito della riscoperta avvenuta il 22 giugno 1995 ha ricevuto la numerazione definitiva. Durante l’apparizione del 2010 la cometa era luminosa con una magnitudine apparente 11,5. Si stima che il suo nucleo abbia un diametro di 4,8 chilometri. Questa cometa non deve essere confusa con la cometa Shoemaker–Levy 9 (D/1993 F2) che si è schiantata in modo spettacolare su Giove nel 1994.

Posizione nel cielo

La cometa 118P/Shoemaker-Levy farà il suo più vicino avvicinamento al Sole, a una distanza di 1,83  UA. Dall’Italia l’apparizione nel 2022 di 118P/Shoemaker-Levy partirà del 3 Novembre fino al 13 Dicembre. Al momento del perielio sarà visibile nel cielo mattutino, diventando accessibile intorno alle 23:46, quando raggiungerà un’altitudine di 21° sopra il vostro orizzonte orientale. Raggiungerà quindi il suo punto più alto nel cielo alle 04:17, 56° sopra l’orizzonte meridionale. Andrà perso al crepuscolo dell’alba intorno alle 05:48, 51° sopra il tuo orizzonte sud-occidentale.

OggettoRetta AscensioneDeclinazioneCostellazioneMagnitudo
Cometa 118P/Shoemaker-Levy08h26m30s7°49’NCancro11.1
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *