La NASA premia la Boeing

La NASA premia la Boeing per il Sustainable Flight Demonstrator. Il progetto Transonic Truss-Braced Wing verrà costruito nei prossimi anni.
Un render Transonic Truss-Braced Wing.

La NASA premia la compagnia Boeing per il progetto Sustainable Flight Demonstrator. Il progetto ha lo scopo di creare una nuova generazione di aerei di linea verdi a fusoliera stretta. La Boeing vincitrice del progetto lavorerà con l’agenzia spaziale per costruire, testare e pilotare un velivolo dimostrativo su vasta scala.

Gli aerei a fusoliera stretta

Nei prossimi sette anni, la NASA investirà 425 milioni di dollari, mentre Boeing ed i suoi partner contribuiranno al finanziamento dei restanti 725 milioni di dollari. Come parte dell’accordo, l’agenzia spaziale contribuirà a fornire competenze e strutture tecniche. Gli aeromobili fusoliera stretta, sono il cavallo di battaglia di di molte flotte aeree. A causa del loro uso intensivo, rappresentano quasi la metà delle emissioni del trasporto aereo mondiale. 

La NASA pensa di completare i test entro la fine degli anni ’20, in modo che le tecnologie e i progetti possano influenzare la creazione della successiva generazione di aerei. “Fin dall’inizio, la NASA è stata con te quando voli. La NASA ha osato andare più lontano, più veloce, più in alto. E così facendo, la NASA ha reso l’aviazione più sostenibile e affidabile. È nel nostro DNA”, ha dichiarato l’amministratore Bill Nelson

“Il nostro obiettivo con Boeing è produrre e testare un dimostratore su vasta scala che porterà i futuri aerei di linea ad essere più efficienti. Tutto a vantaggio dell’ambiente, dell’industria dell’aviazione commerciale e dei passeggeri. Se avremo successo, potremmo vedere queste tecnologie su aerei che il pubblico voleranno dopo il 2030″.

Transonic Truss-Braced Wing

La NASA premia la Boeing per aver progettato il velivolo dimostrativo, Transonic Truss-Braced Wing, che presto potrebbe essere prodotto su vasta scala. Il concept prevede un aereo con ali extra lunghe e sottili stabilizzate da montanti diagonali. Il design rende l’aereo molto più efficiente in termini di consumo rispetto a un aereo di linea tradizionale grazie alla forma che creerebbe meno resistenza.

“Cooperiamo con Boeing nello sviluppo di tecnologie rivoluzionarie per ridurre l’uso di energia ed emissioni nei prossimi decenni, verso l’obiettivo di zero emissioni nette di carbonio entro il 2050”, ha affermato Bob Pearce, amministratore associato della NASA. L’obiettivo della NASA è che la tecnologia utilizzata sul velivolo dimostrativo, se combinata con altri progressi nei sistemi di propulsione, nei materiali e nell’architettura dei sistemi, si traduca in una riduzione del consumo di carburante e delle emissioni fino al 30% rispetto al velivolo a corridoio singolo più efficiente di oggi, a seconda della missione.

“Siamo onorati di continuare la nostra partnership con la NASA. Vogliamo dimostrare che questa tecnologia migliorerà significativamente l’efficienza aerodinamica, con conseguente riduzione del consumo di carburante”, ha affermato Todd Citron, CTO di Boeing. “Boeing ha portato avanti una strategia di sostenibilità su più fronti, tra cui il rinnovo della flotta, l’efficienza operativa, l’energia rinnovabile e le tecnologie avanzate. L’obiettivo è portare l’aviazione degli Stati Uniti a raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2050. Il dimostratore di volo sostenibile si basa su più di un decennio di investimenti della NASA, di Boeing e dei nostri partner del settore per aiutare a raggiungere l’obiettivo finale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *