Inquinamento luminoso: la mappa dell’ESA

La mappa dell'ESA mostra l'inquinamento luminoso delle nostre città di notte partendo dalle foto scattare dagli astronauti sull'ISS
L’astronauta dell’ESA Tim Peake ha scattato questa immagine di Londra, Regno Unito, dalla Stazione Spaziale Internazionale a 400 km sopra la Terra. Credit: ESA

Negli ultimi due decenni, gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) hanno assistito a come le città di notte, risplendano di bianco da quando sono state introdotte nuove tecnologie di illuminazione stradale. Quando l’astronauta dell’ESA Samantha Cristoforetti ha osservato la Terra dall’orbita durante la sua recente Missione Minerva, le città brillavano più luminose delle stelle. Dal 2003, Samantha e altri astronauti europei hanno scattato oltre un milione di immagini notturne con fotocamere digitali per aiutare a creare la prima mappa dell’ESA per dimostrare la reale portata dell’inquinamento luminoso.

L’inquinamento luminoso è sottovalutato

Un team di ricercatori europei ha elaborato le immagini e le ha confrontate nel tempo. Risulta chiaro l’aumento dell’inquinamento luminoso nelle aree urbane e uno spostamento verso emissioni più bianche e più blu. Ciò è dovuto alla diffusa introduzione di lampade a diodi o tecnologia LED. “Visto dallo spazio, l’immagine risultante sembra una scansione del cancro o una ragnatela fluorescente che continua a crescere”, afferma Alejandro Sánchez de Miguel, ricercatore presso l’Università di Exeter nel Regno Unito. Il recente articolo scientifico (rif.) evidenzia quanto siano invasive le luci notturne e i loro effetti negativi per l’ambiente.

Mentre l’Europa spegne le luci nel desiderio di risparmiare energia, gli scienziati avvertono che non dovrebbe riguardare solo la riduzione delle bollette. Le notti più luminose stanno interrompendo il ciclo notturno di esseri umani, animali e piante. Le immagini a colori scattate dal vivo sulla Stazione Spaziale Internazionale sono la migliore fonte per gli scienziati. Le attuali immagini satellitari, non sono adatte allo scopo, perché la loro sensibilità al colore non mostra emissioni di lunghezze d’onda basse con una qualità sufficiente.

“Senza le immagini scattate dagli astronauti, ci condurremmo alla cieca sull’impatto ambientale della transizione LED”, afferma Alejandro. “Le foto degli astronauti sono sempre state, e saranno sempre, la base per le osservazioni notturne della Terra”, aggiunge. Le mappe cromatiche notturne composite, create prima e dopo la diffusione della tecnologia dei lampioni a LED, mostrano un marcato sbiancamento della luce artificiale.

Luce calda, luce fredda

Grazie alla mappa dell’ESA si possono notare come l’inquinamento luminoso vari in base al paese in esame. Mentre in Italia e nel Regno Unito si è registrato un marcato aumento dell’inquinamento luminoso, paesi come la Germania e l’Austria mostrano un cambiamento meno drammatico delle emissioni spettrali. Milano è stata la prima città in Europa a convertire completamente l’illuminazione stradale a LED bianchi e più della metà di tutta l’illuminazione pubblica pubblica nel Regno Unito è stata convertita all’inizio del 2019.

Il bagliore della Germania sta sbiancando e il paese ha ancora molte luci fluorescenti e ai vapori di mercurio in uso. “Entro la fine di questo decennio, tutta l’Europa potrebbe sembrare bianca di notte vista dallo spazio”, afferma Alejandro. Sul lato più caldo dello spettro, il Belgio brilla di un arancione intenso a causa dell’uso diffuso di luci al sodio a bassa pressione. Le luci al sodio ad alta pressione fanno sì che i Paesi Bassi emettano un bagliore dorato.

Secondo gli scienziati, la transizione verso la radiazione luminosa ricca di bianco e blu sta erodendo i cicli notturni naturali in tutto il continente. Disturba il ritmo circadiano giorno e notte degli organismi viventi, compreso l’uomo, con effetti negativi sulla salute delle specie e dell’intero ecosistemi. Lo studio si concentra su tre principali impatti negativi: la soppressione della melatonina, la risposta fototassica di insetti e pipistrelli e la visibilità delle stelle nel cielo notturno.

LED vero risparmio ?

“Quando accendiamo i lampioni, priviamo il nostro corpo dell’ormone melatonina e interrompiamo il nostro ritmo naturale di sonno”, spiega Alejandro. La maggior parte degli insetti e degli animali notturni sono estremamente sensibili alla luce. Non solo le falene, ma quasi tutte le specie di pipistrelli che vivono in Europa, sono in regioni dove la composizione spettrale dell’illuminazione notturna è diventata più bianca. Gli scienziati affermano che ciò ha un impatto diretto sulla loro capacità di muoversi e reagire a una fonte di luce, chiamata anche risposta fototassica.

Insieme ad altri animali, gli esseri umani hanno usato a lungo le stelle per la navigazione. In tempi moderni, un peggioramento della visibilità delle stelle va oltre la geolocalizzazione e le osservazioni astronomiche. Gli scienziati temono che non vedere il cielo notturno possa avere un impatto negativo sul senso della “natura” delle persone e sul loro posto nell’universo.

Mentre la rivoluzione dell’illuminazione a LED ha promesso di ridurre il consumo di energia e migliorare la visione umana di notte, e con essa il senso di sicurezza, lo studio mostra che le emissioni complessive sono aumentate. Paradossalmente, più economica e migliore è l’illuminazione, maggiore è la dipendenza della società dalla luce. Il documento ipotizza l’esistenza di un “effetto rimbalzo” nell’illuminazione per esterni, in cui l’efficienza energetica e la riduzione dei costi associata aumentano la domanda di illuminazione e diminuiscono eventuali guadagni di efficienza. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *