SpaceX e la ricerca dei detriti della Starship

L'azienda americana SpaceX esorta la ricerca e la segnalazione dei detriti della Starship ai cittadini delle aeree circonstanti al lancio
Joe Tegtmeyer mostra una tegola dello scudo termico dell’astronave Starship, il 20 aprile 2023. Il frammento è stato trovato sulla spiaggia di South Padre Island, a circa 10 km dal sito di lancio. Credit: Joe Tegtmeyer

Il primo volo della Starship di SpaceX si è concluso con la navicella e il suo booster fatti esplodere (RUD) a circa 40km di altitudine. Dopo poche ore, detriti del razzo, hanno iniziato a ricadere sulle coste che circondano l’impianto di lancio, Starbase, dell’azienda a Boca Chica, in Texas. La Spacex stessa sta esortando la ricerca e la segnalazione dei detriti della Starship a tutti i cittadini interessati.

I funzionari della contea locale, si sono affrettati a ordinare la chiusura temporanea di strade e spiagge per aiutare gli “sforzi di pulizia dei detriti”. Ma dato che il veicolo si trovava ben oltre il Golfo del Messico le precauzioni si sono estese solo a un’area di ricaduta dei frammenti relativamente piccola.

Il recupero dei primi detriti

“Guardate cosa ho trovato!” ha pubblicato Joe Tegtmeyer su Twitter (rif.) alle 19:30 EDT, circa nove ore dopo il lancio dell’astronave. La foto lo ritrae con quella che sembra la metà di una delle 18.000 tegole esagonali dello scudo termico che coprivano un lato dell’astronave, il secondo stadio. Se la separazione degli stadi non fosse fallita, Starship avrebbe usato le piastrelle per proteggersi dal calore del rientro nella atmosfera terrestre sopra l’Oceano Pacifico al largo della costa delle Hawaii.

“Non sono sicuro di quando abbia lasciato la Starship, ma sospetto che ne arriveranno altri a riva nei prossimi giorni”, ha scritto Tegtmeyer.  L’uomo non può, tuttavia, escludere che la piastrella provenisse da un test precedente. Nonostante è stata la prima volta che Starship e Super Heavy hanno volato insieme, SpaceX ha già avuto veicoli Starship distrutti.

Tegtmeyer non è stata l’unica persona a trovare un possibile pezzo di un’astronave. Le foto condivise sui social media hanno mostrato che almeno un’altra persona si era imbattuta in un frammento più piccolo delle piastrelle di ceramica in bianco e nero.

L’avviso di SpaceX

Da parte sua, l’azienda spaziale ha emesso un avviso al pubblico, avvertendo di non tentare di maneggiare o recuperare direttamente i pezzi trovati. Al contrario SpaceX invita la ricerca dei detriti della Starship ed a segnalare prontamente la scoperta tramite i proprio contatti.

“I team stanno monitorando attivamente entrambe le finestre di messaggio e si assicureranno che la notifica sia gestita in modo appropriato. Non siamo in grado di rispondere a tutti i messaggi ricevuti, ma faremo ilo possibile per metterci in contatto in modo appropriato”, hanno scritto i funzionari di SpaceX. “Se hai dubbi su un pericolo immediato, contatta le forze dell’ordine locali”.

Sebbene il volo di prova di Starship fosse un’attività finanziata privatamente, è stato condotto con una licenza di lancio della Federal Aviation Administration (FAA) che affermava che era stato intrapreso con la supervisione degli Stati Uniti. In quanto parte del Trattato sullo spazio esterno del 1967, qualsiasi componente di un veicolo spaziale trovato ovunque sulla Terra o nello spazio rimane di proprietà dell’operatore di lancio fino al momento in cui l’entità li rinuncia esplicitamente. Pertanto, tutti i detriti dell’astronave rimangono di proprietà di SpaceX, anche se si trovano su proprietà private o nel Golfo del Messico.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments