Menopausa: tessuto spaziale riduce sintomi

il tessuto Outlast utile nella menopausa
Il tessuto Outlast utile nella menopausa. Credit: Fifty One Ltd.

Secondo il National Institutes of Health, 1,3 milioni di donne negli U.S.A. ogni anno iniziano a manifestare i sintomi della menopausa. Questi sono solitamente caratterizzati da sensazioni di calore intenso note come “vampate di calore”. Il fenomeno biologico può durare per decenni e gli sbalzi di temperatura associati sono nel migliore dei casi scomodi e nel peggiore dei casi debilitanti.  Poiché non esiste una cura definitiva per questa risposta biologica, una marketer tessile di nome Louise Nicholson ha deciso di aiutare le donne a sentirsi a proprio agio durante questo periodo della loro vita. Infatti, ha scoperto che un tessuto spaziale sviluppato dalla NASA riduce i sintomi della menopausa.

Outlast

“Ho fatto alcune ricerche iniziali per scoprire cosa c’era sul mercato e non c’era assolutamente nulla a parte gli indumenti da notte”, ha detto Nicholson. Esplorando i tessuti ad alta tecnologia per la regolazione delle temperature, Nicholson ha scoperto che questi prodotti tendevano a essere tessuti rinfrescanti, che ignoravano le vampate di freddo che spesso seguono le vampate di calore. La sua ricerca la portò presto a una tecnologia chiamata Outlast.

Negli anni ’80, il Johnson Space Center della NASA era alla ricerca di modi per migliorare l’isolamento nei guanti delle tute spaziali. Il centro stipulò un contratto di ricerca con la Triangle Research and Development Corporation per esplorare l’uso di materiali a cambiamento di fase. Questi materiali hanno la particolarità di mantenere la temperatura costante mentre cambiano fase da solido a liquido o viceversa. Sulla base di questo lavoro svolto con l’U.S. Air Force, incorporando materiali a cambiamento di fase la Triangle è stata in grado di dimostrare l’efficacia di un inserto in tessuto che stabilizza la temperatura per un guanto da tuta spaziale. 

I guanti della tuta spaziale devono essere isolati contro le temperature estreme dello spazio esterno. Il finanziamento della NASA per esplorare i materiali a cambiamento di fase in questa applicazione ha portato a un materiale in tessuto che ora si trova in diversi prodotti.
I guanti della tuta spaziale devono essere isolati contro le temperature estreme dello spazio esterno. Il finanziamento della NASA per esplorare i materiali a cambiamento di fase in questa applicazione ha portato a un materiale in tessuto che ora si trova in diversi prodotti.
Credit: NASA

Sebbene la tecnologia non sia mai andata nello spazio, Gateway Technologies (in seguito nota come Outlast Technologies) acquisì diritti di brevetto esclusivi da Triangle e presto iniziò a commercializzarla con il nome di Outlast. Il materiale innovativo è stato utilizzato in numerosi prodotti, dalle sedie da scrivania all’intimo. Walero, ad esempio, utilizza il materiale nei vestiti per i piloti di auto da corsa.

L’arrivo di Fifty One Apparel

Fondato da Nicholson nel 2017, Fifty One Apparel, prende il nome dall’età media in cui le donne possono iniziare a sperimentare la menopausa. Unendo Outlast al filato cellulosico, il tessuto sviluppato dell’azienda mantiene le proprietà di termoregolazione dei materiali e riduce i sintomi classici della menopausa, conservando l’aspetto e la sensazione al tatto dei tessuti di fascia alta.

I prodotti iniziali, una linea di camicie in quattro stili, sono stati venduti per la prima volta ai consumatori nell’area di Londra tramite feste, ma l’azienda si è espansa all’e-commerce, vendendo magliette, pantaloni e indumenti da notte direttamente a privati ​​in tutto il mondo. A partire dal 2021, gli Stati Uniti sono il secondo mercato più grande di Fifty One dopo il Regno Unito. Inoltre, Fifty One ha ampliato la sua gamma di prodotti basati su Outlast, inclusi accessori come sciarpe, maschere e turbanti.

La NASA ha una lunga storia nel trasferimento di tecnologia al settore privato. La pubblicazione spinoff dell’agenzia spaziale (rif.) descrive che le tecnologie della NASA che si sono trasformate in prodotti e servizi commerciali, dimostrando i vantaggi più ampi degli investimenti nei programmi spaziali. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *