La mappa stellare completa più antica del mondo

Scoperta la mappa stella completa più antica del mondo. Il frammento era nascosto sotto nove fogli, del Codex Climaci Rescriptus
Particolare del foglio 53v, inizio della prima colonna di sottotesto. Si notano il sovratesto siriaco in marrone scuro e deboli tracce di alcune lettere del sottotesto, la cui analisi a portato alla scoperta della mappa stella completa più antica del mondo.

Gli studiosi potrebbero aver appena scoperto un frammento della mappa stellare completa più antica del mondo. La mappa, che è stata trovato sotto il testo su un foglio di pergamena medievale. Sembra che sia una copia del catalogo stellare perduto dell’astronomo greco Ipparco, che fece il primo tentativo noto di tracciare l’intera notte cielo. Il frammento era nascosto sotto nove fogli, del Codex Climaci Rescriptus religioso nel monastero di Santa Caterina nella penisola egiziana del Sinai. 

La scoperta

Il codice è un palinsesto, il che significa che gli scritti originali sono stati raschiati dalla loro pergamena per far posto a una raccolta di testi aramaici cristiani palestinesi che raccontano storie dell’Antico e del Nuovo Testamento. I ricercatori pensavano che anche i primi testi cristiani fossero sepolti sotto le pagine. L’imaging multispettrale ha rivelato qualcosa di più sorprendente. Numeri che indicano, in gradi, la lunghezza e la larghezza della costellazione della Corona Boreale e le coordinate delle sue le stelle. I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati il ​​18 ottobre (rif.) sul Journal for the History of Astronomy.

“Sono stato molto eccitato sin dall’inizio”, ha affermato il ricercatore capo dello studio Victor Gysembergh, storico della scienza presso il Centro Nazionale Francese per la ricerca scientifica (CNRS) a Parigi. “È stato subito chiaro che fossero delle coordinate stellari di una mappa stellare molto antica”. L’entusiasmo dei ricercatori è cresciuto quando le coordinate precise hanno consentito di stimare la data in cui fu prodotto il manoscritto. All’incirca nel 129 aC, quando Ipparco era un astronomo veterano che studiava i cieli notturni.

Padre dell’astronomia scientifica, Ipparco (190 aC al 120 aC) trascorse gran parte dei suoi ultimi anni a fare osservazioni astronomiche dall’isola di Rodi. Non rimane molta documentazione della sua vita. Gli storici gli attribuiscono una serie di impressionanti progressi scientifici, come la modellazione accurata dei movimenti del Sole e della Luna.  Ha inoltre inventato una scala di luminosità per misurare le stelle, sviluppato la trigonometria e forse inventato l’astrolabio, un dispositivo portatile a forma di disco in grado di calcolare le posizioni precise dei corpi celesti. 

La mappa stellare completa d’Ipparco

Ipparco ha continuato a catalogare circa 850 stelle nel cielo notturno, annotando le loro posizioni e luminosità precise. Confrontando la sua mappa stellare con misurazioni frammentarie di singole stelle prese da astronomi del passato, Ipparco si rese conto che le stelle lontane sembravano spostarsi di 2 gradi dalle loro posizioni originali. Il motivo dello spostamento nelle posizioni apparenti delle stelle è la precessione della Terra. L’oscillazione sul proprio asse è simile al movimento di una trottola, con una velocità di 1 grado ogni 72 anni. 

I ricercatori hanno scattato 42 fotografie di ciascuna delle nove pagine su un’ampia gamma di lunghezze d’onda. Poi hanno scansionare le foto con algoritmi informatici che hanno individuato il testo nascosto sotto. Dopo aver letto le coordinate dai frammenti della carta, gli studiosi hanno utilizzato la stessa idea della precessione planetaria. Invertendo il tempo, hanno riportato le stelle della Corona Boreale all’anno in cui le stelle brillavano nel cielo nel punto esatto descritto dalla scrittura nascosta.

Monastero di Santa Caterina nel Sinai, il monastero del VI secolo dove è stato ritrovato il frammento di mappa.
Monastero di Santa Caterina nel Sinai, il monastero del VI secolo dove è stato ritrovato il frammento di mappa.

La data della registrazione originale delle stelle era del 129 aC, dopodiché i ricercatori hanno trovato quando la scrittura era stata completata. Datando i nove fogli secondo la paleografia, gli studiosi li hanno collocati nel V o VI secolo d.C. , il catalogo d’Ipparco era ancora in uso più di 700 anni dopo. 

Le prossime indagini

L’indagine successiva è stata confrontare il loro cielo notturno dell’epoca, con un manoscritto latino medievale separato chiamato Aratus Latinus, a lungo ritenuto come una copia parziale del catalogo originale di Ipparco. I ricercatori hanno confermato che anche le coordinate del manoscritto di Arato per le costellazioni del Draco, dell’Orsa Maggiore e dell’Orsa Minore risalivano al 129 a.C. Una prova indiretta che il frammento ritrovato proveniva dalla stessa fonte del manoscritto.

“Il nuovo frammento rende tutto questo molto, molto più chiaro”Mathieu Ossendrijver, uno storico dell’astronomia della Libera Università di Berlino. “Questa antica mappa stellare che aleggiava nella letteratura come una cosa quasi ipotetica è diventata molto concreta”. Per continuare l’indagine, i ricercatori sperano di migliorare le loro tecniche di imaging e di scansionare più codice. La maggior parte dei 146 fogli del manoscritto sono attualmente di proprietà del miliardario americano e fondatore Steve Green.

A parte il codice stesso, i ricercatori ritengono che altre pagine del catalogo delle stelle possano nascondersi all’interno degli oltre 160 palinsesti del Monastero di Santa Caterina. Gli sforzi passati hanno già portato alla scoperta di testi medici greci precedentemente sconosciuti, che includono istruzioni chirurgiche, ricette per farmaci e guide alle piante medicinali.

Scoperta la mappa stella completa più antica del mondo. Il frammento era nascosto sotto nove fogli, del Codex Climaci Rescriptus religioso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *