Gli astronomi esortano la NASA a costruire un enorme telescopio spaziale

Render di un nuovo telescopio spaziale
Il rendering di un telescopio spaziale proposto chiamato LUVOIR. Credits: NASA GFSC

La NASA sta per lanciare il suo nuovo osservatorio spaziale di punta, il James Webb Space Telescope, che può scrutare così in profondità nel cosmo da poter vedere il bagliore del Big Bang. Ma alcuni astronomi stanno già chiedendo il prossimo grande telescopio spaziale. Uno in grado di scattare foto di pianeti simili alla Terra in orbita attorno ad altre stelle.

Le accademie nazionali di scienze, ingegneria e medicina hanno pubblicato giovedì il nuovo sondaggio decennale su astronomia e astrofisica. Gli astronomi guardano a questo rapporto per definire ogni decennio nello spazio, dal momento che l’indagine guida la NASA e la National Science Foundation (NSF). Il rapporto guarda oltre i prossimi 10 anni, raccomandando che la NASA e l’NSF trascorrano gli anni 2020 investendo in una serie di telescopi che cambierebbero la nostra comprensione dell’universo nei decenni a seguire.

Un telescopio da 11 miliardi di dollari

La proposta più ambiziosa del rapporto suggerisce che la NASA costruisca un telescopio spaziale in grado di scrutare l’universo alla luce ottica, infrarossa e ultravioletta. Un telescopio del genere, dal costo stimato di 11 miliardi di dollari, avrebbe uno specchio di 6 metri e la capacità di oscurare la luce delle stelle lontane, consentendogli così di individuare mondi simili alla Terra in orbita attorno ad altre stelle. La proposta prevede che questo osservatorio venga lanciato nella prima metà degli anni 2040.

Il telescopio sarebbe quindi pronto per scattare le prime foto di pianeti oltre il nostro sistema solare, chiamati esopianeti, dove la vita potrebbe prosperare. Secondo l’astronomo della Vanderbilt University Keivan Stassun, quelle immagini assomiglierebbero alla famosa foto “Pale Blue Dot” della Terra, scattata dalla navicella spaziale Voyager della NASA nel 1990 dopo aver superato Nettuno.

L'immagine originale di Pale Blue Dot, pubblicata il 14 febbraio 1990. La Terra è visibile come un puntino luminoso all'interno del raggio di sole appena a destra del centro.
L’immagine originale di Pale Blue Dot, pubblicata il 14 febbraio 1990. La Terra è visibile come un puntino luminoso all’interno del raggio di sole appena a destra del centro. Credits: NASA

“Saremo in grado di capire la composizione di questi pianeti. Capiremo cosa c’è sulla superficie. Saremo in grado di misurare il contenuto dell’atmosfera, se ha un’atmosfera. Questa è fantascienza che diventa scienza”, ha detto Stassun, che fa parte del comitato direttivo per il sondaggio decennale.

Per studiare quei mondi, questo futuro telescopio spaziale avrebbe bisogno di oscurare lo splendore delle stelle lontane, poiché la luce dei piccoli pianeti è circa 10 miliardi di volte più debole della luce delle stelle. La NASA attualmente non ha la tecnologia per realizzarlo. “Dovremmo essere in grado di sopprimere la luce stellare di un fattore 10 milioni di volte o più, preservando allo stesso tempo il flebile bagliore del pianeta”, ha detto Stassun. “Crediamo di poterci arrivare, ma ci vorrà molto tempo”

Il suggerimento alla NASA

Un osservatorio spaziale in grado di visualizzare mondi alieni potrebbe essere il telescopio più ambizioso proposto nel nuovo rapporto decennale, ma non è certamente l’unico. Gli autori hanno affermato che le loro raccomandazioni porteranno avanti tre obiettivi scientifici: studiare mondi abitabili oltre il nostro Sistema Solare; comprendere i buchi neri, le stelle morte e gli eventi esplosivi che li creano; e imparare come si formano ed evolvono le galassie.

Ma gli astronomi hanno bisogno di telescopi migliori per questi studi. Il rapporto afferma che la massima priorità della NSF dovrebbe essere il completamento dei suoi più grandi telescopi terrestri già in costruzione: il Giant Magellan Telescope in Cile e il Thirty Meter Telescope alle Hawaii. Per la NASA, il rapporto raccomanda un nuovo programma “Grandi osservatori” per sviluppare più missioni spaziali contemporaneamente, incluso l’ambizioso telescopio che potrebbe vedere mondi simili alla Terra.

L’indagine decennale raccomanda anche di espandere la gamma di radiotelescopi della Terra aggiornare gli osservatori di onde gravitazionali esistenti e costruirne di nuovi e sviluppare un osservatorio che studi le radiazioni a microonde lasciate dal Big Bang. “Come abbiamo appreso con il James Webb Space Telescope, i nostri ambiziosi obiettivi scientifici ora semplicemente non possono adattarsi perfettamente a un lasso di tempo decennale”, ha affermato Stassun. “C’è un gran numero di cose che dobbiamo iniziare a fare partendo quanto prima possibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.