Dieci curiosità su Starlink

I satelliti Starlink di SpaceX sono tra i veicoli spaziali più conosciuti al mondo. Attualmente ci sono oltre 3.000 satelliti in orbita e SpaceX prevede di lanciarne molti altri  nel prossimo futuro. La costellazione di satelliti chiamata Starlink sono progettati per fornire Internet a banda larga a località remote o scarsamente servite.

La SpaceX ed i suoi satelliti fanno costantemente notizia per l’enorme numero di lanci che SpaceX esegue ogni anno. Ma hanno destato molto scalpore tra gli astrofili ed un enome impatto mediato e geopolitico sulla guerra in Ucraina. Nonostante il forte interesse ci sono molte cose che i comuni mortali ignorano su questa tecnologia. Ecco la lista delle dieci curiosità su Starlink.

1. Il nome

Secondo il fondatore e CEO di SpaceX Elon Musk , il nome “Starlink” deriva dal romanzo del 2012 “The Fault in Our Stars” di John Green. Musk ha twittato la spiegazione nel 2018, scrivendo che “Una curiosità su Starlink? Il nome è stato ispirato da The Fault in Our Stars. Il romanzo narra le gesta della sedicenne Hazel Lancaster, a cui è stato diagnosticato un cancro terminale. In un gruppo di supporto contro il cancro, Hazel incontra un altro adolescente malato di cancro, Augustus, ed i due si innamorano. Il romanzo vuole speigare che mentre il dolore emotivo è una costante dell’esistenza umana, l’uomo ha sempre la possibilità di scegliere con chi condividere quel dolore.

2. Linux

Secondo la pagina delle risorse di SpaceX (rif.), i satelliti Starlink girano sul sistema operativo open source Linux. Linux (rif.) è stato creato nel 1991 da Linus Torvalds, un ingegnere del software finlandese, per essere un sistema operativo libero e condiviso apertamente che potesse essere adattato all’hardware specifico del computer degli utenti. Per il suo stesso design, Linux è facile da personalizzare, rendendolo ideale per casi d’uso specifici come i satelliti Starlink. Inoltre, i sistemi operativi basati su Linux possono attingere a un repository mondiale di programmi e strumenti open source, consentendo la rapida prototipazione di nuovo hardware e software.

3. Starlink sarà ancora più grande

SpaceX ha recentemente ricevuto l’approvazione dalla Federal Aviation Administration (FAA) per schierare 7.500 satelliti Starlink 2.0. Si dice che questi satelliti Starlink di seconda generazione siano più grandi e molto più capaci dei loro predecessori. I satelliti Starlink di prima generazione pesano 259 kg, mentre Starlink 2.0 pesa 1250 kg, ha detto Musk. Per portare in orbita questi Starlink più grandi, SpaceX alla fine inizierà a utilizzare la Starship, il suo razzo per l’esplorazione spaziale. La Starship è ancora in fase di sviluppo, ma SpaceX sta pianificando quanto prima un test orbitale.

4. Comunicazione tramite laser

Gwynne Shotwell, COO di SpaceX, ha dichiarato al 36° Space Symposium annuale nel 2021 che tutti i satelliti Starlink da quel momento in poi sarebbero stati dotati di collegamenti incrociati laser che consentissero una rapida ed immediata comunicazione tra loro. Questa tecnologia consente ai satelliti Starlink, all’interno di una costellazione, di condividere i dati tra loro, riducendo la dipendenza dalle stazioni di terra. I collegamenti laser consentono di condividere il traffico Internet da satellite a satellite in tutto il mondo, evitando la necessità di trasmettere i segnali a una rete Internet terrestre. Inoltre i collegamenti incrociati laser consentono alle costellazioni di Starlink di trasmettere la connettività Internet alle località più remote, comprese le regioni polari.

5. La dichiarazione d’Indipendenza marziana

Nei termini di servizio di Starlink (rif.) contenere una sezione in cui si afferma che nel caso in cui SpaceX raggiungerà Marte e vi stabilirà il servizio, la società avrà piena indipendenza da qualsiasi governo della Terra. “Per i Servizi forniti su Marte, o in transito su Marte, tramite Starship o altri veicoli spaziali, le parti riconoscono Marte come un pianeta libero e nessun governo terrestre ha autorità o sovranità sulle attività marziane”, si legge nei termini di servizio di Starlink. “Di conseguenza, le controversie saranno risolte attraverso principi di autogoverno, stabiliti in buona fede, al momento della risoluzione marziana.” SpaceX ha in programma di collocare gli umani sul Pianeta Rosso entro la fine del decennio, secondo i commenti fatti dalla leadership dell’azienda. Senza dubbio la curiosità più stravagante su Starlink.

6. Starlink è disponibile in Antartide

Il servizio Internet Starlink è disponibile in alcune delle parti più remote del globo, tra cui l’Antartide. Gli scienziati del Programma antartico degli Stati Uniti (USAP) hanno testato presso l’avamposto di ricerca della stazione McMurdo. “Gli scienziati USAP supportati da NSF in #Antartide sono al settimo cielo! Starlink sta testando il servizio polare con un terminale utente appena implementato presso la stazione McMurdo, aumentando la larghezza di banda e la connettività per il supporto scientifico”, ha dichiarato la US National Science Foundation tramite Twitter (rif.) nel settembre 2021. SpaceX ha iniziato a portare i satelliti in orbita polare nel settembre 2021 con il suo primo lancio dalla costa occidentale presso la Vandenberg Space Force Base in California. “Questi lanci polari consentiranno una copertura completa della Terra”, ha twittato Musk nel luglio 2022 (rif.).

7. Gli UFO è Starlink

I treni di satelliti Starlink possono sembrare piuttosto strani nel cielo. Nonostante il fatto che SpaceX abbia adottato misure per far apparire il meno possibile i satelliti nel cielo notturno, questi nonostante tutto possono riflettere la luce solare in determinati momento lungo le loro orbite. In numerose occasioni, sono stati scambiati per UFO ed panico tra gli skywatcher. Oltre ad essere scambiati per UFO, questi avvistamenti presentano un altro problema preoccupante. Rovinano puntualmente le condizioni di cielo necessarie per l’astronomia amatoriale. L’Unione Astronomica Internazionale (IAU) ha persino implorato le Nazioni Unite di prendere provvedimenti per proteggere il cielo notturno dalle costellazioni di Starlink.

8. Connettività militare

Una curiosità sconosciuta ai più di Starlink è che la costellazione di satelliti fornire anche connettività alle risorse militari. Starlink è stato ampiamente utilizzato dalle forze ucraine nella guerra in corso, ma anche l’esercito degli Stati Uniti ha per propri scopi usato Starlink. Nel 2020, la US Air Force e SpaceX hanno collaborato per un’esercitazione in cui i satelliti Starlink condividevano i dati con le risorse militari statunitensi che hanno abbattuto un drone e un missile da crociera. Da allora SpaceX ha creato un progetto partner Starlink chiamato Starshield che si rivolgerà esclusivamente alle agenzie militari e associate degli Stati Uniti. Starshield offrirà un livello di sicurezza più elevato rispetto a Starlink, con “capacità crittografiche aggiuntive ad alta sicurezza per ospitare payload classificati ed elaborare dati in modo sicuro, soddisfacendo i requisiti governativi più esigenti”, secondo la pagina Starshield di SpaceX (rif.).

9. GPS tramite Reverse Engineering

SpaceX ha ricevuto richieste negli ultimi anni per utilizzare le costellazioni di Starlink come servizio di posizione, navigazione e cronometraggio simile al GPS, ma finora il CEO di SpaceX Elon Musk le ha respinte. Tuttavia, un team di ricercatori dell’Università del Texas ha trovato un modo per farlo nell’ottobre 2022 eseguendo il reverse engineering dei segnali Starlink (rif.). Hanno scoperto che i segnali beacon ripetuti delle costellazioni Starlink, progettati per aiutare i ricevitori a terra a connettersi con i satelliti, potrebbero essere utilizzati per formare un sistema di navigazione. “È un framework così generale che possiamo applicarlo a qualsiasi segnale terrestre o extraterrestre”, ha dichiarato Todd Humphreys di UT Austin al MIT Technology Review. 

10. La Cina studia come distruggere Starlink

Questa è senza dubbio la curiosità più preoccupante per Starlink. Dato che i satelliti vengono sempre più utilizzati come risorse militari, sta nascendo una crescente preoccupazione per queste costellazioni. In effetti, un team di ricercatori cinesi del Northwest Institute of Nuclear Technology, gestito dall’Esercito popolare di liberazione, ha recentemente pubblicato un documento che discute i modi per distruggere o disabilitare Starlink. La loro stupida soluzione? Far esplodere un’arma nucleare nello spazio. Secondo il South China Morning Post (rif.), i ricercatori hanno suggerito che un’esplosione nucleare da 10 megatoni sarebbe abbastanza potente creare una forte radiazione residua che può causare guasti o distruzione diretta ai veicoli spaziali che si muovononella zona dell’esplosione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *