S5-HVS1 viaggia a 6 milioni di km/h

Un team internazionale usando l'ANU Siding Spring Observatory, ha scoperto la stella S5-HVS1 che viaggia a 6 milioni km/h.
Rappresentazione artistica della stella S5-HVS1 espulsa dal buco nero super massiccio della galassia della Via Lattea, Sagittarius A*

Uno studio internazionale ha scoperto una stella, S5-HVS1 che viaggia a più di 6 milioni di km/h. La stella sta attraversando la Via Lattea dopo essere stata spinta via da Sagittarius A* il buco nero super massiccio al centro della nostra galassia. Il professore emerito Gary Da Costa, astronomo dell’Australian National University (ANU), ha affermato che la stella si sta muovendo così velocemente che lascerà la Via Lattea tra circa 100 milioni di anni, per non tornare mai più.

L’impressionante velocità

“Abbiamo tracciato il viaggio di questa stella fino al centro della nostra galassia, il che è piuttosto eccitante”, ha affermato il professor Da Costa. “La stella S5-HVS1 viaggia a 6 milioni di km/ha viaggia ad una velocità da record di 6 milioni di km/h. Circa 10 volte più veloce della maggior parte delle stelle della Via Lattea, compreso il nostro Sole. In termini astronomici, la stella lascerà la nostra galassia abbastanza presto e probabilmente viaggerà nello spazio intergalattico per l’eternità. “È fantastico poter confermare una previsione vecchia di 30 anni. Secondo questa previsione le stelle, possono essere scagliate fuori da una galassia dal buco nero super massiccio al loro centro“.

Il professor Da Costa e i suoi colleghi dell’ANU, il dottor Dougal Mackey e il dottor Thomas Nordlander, sono stati coinvolti nello studio (rif.), condotto dal dottor Sergey Koposov della Carnegie Mellon University nell’ambito del Southern Stellar Streams Spectroscopic Survey. L’indagine coinvolge astronomi delle università australiane ANU, Macquarie University, University of Sydney e UNSW, oltre a ricercatori provenienti da Stati Uniti, Regno Unito e Cile. Il dottor Ting Li dell’Università di Princeton guida il sondaggio. Il dottor Mackey ha dichiarato che, il team ha individuato la stella in rapido movimento per caso mentre cercava i resti sminuzzati di piccole galassie in orbita attorno alla Via Lattea.

“La stella è a soli 29.000 anni luce di distanza, abbastanza vicina per gli standard galattici, il che significa che il team potrebbe misurare la sua traiettoria in modo molto preciso”, ha detto il dottor Mackey. Il dottor Nordlander ha inoltre chiarito che i buchi neri supermassicci possono lanciare stelle interagendo con un sistema stellare binario, quando due stelle orbitano l’una attorno all’altra. “Se un sistema binario si avvicina troppo a un buco nero, il buco nero può catturare una delle stelle in un’orbita stretta e scacciare l’altra a velocità molto elevata”.

ANU Siding Spring Observatory

Il team ha scoperto S5-HVS1 utilizzando il telescopio anglo-australiano di 3,9 metri presso l’ANU Siding Spring Observatory. Lo strumento 2dF della struttura è il migliore al mondo per studiare le stelle scarsamente distribuite nella periferia della Via Lattea. Grazie alla sua capacità si possono ottenere misurazioni simultanee per un massimo di 400 bersagli alla volta. Le successive osservazioni effettuate con il telescopio ANU da 2,3 metri hanno invece svolto un ruolo importante nel confermare l’estrema velocità della stella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *