Vasimr: il razzo che può raggiungere Marte in un mese

Il razzo con la tecnologia Vasimr
L’illustrazione descrive un razzo con la tecnologia Visimir.

Vasimr VX-200SS è il nome che la Astra Rocket Company’s ha dato alla sua creatura. La compagnia sta testando una tecnologia missilistica che potrebbe ridurre di molto le distanze all’interno del Sistema Solare. Minor tempo di volo si traduce, in minori possibilità di guasti e riduzione notevole di altri pericoli mortali per gli astronauti.

La compagnia ha annunciato (rif.) durante l’estate di aver completato un test di resistenza ad alta potenza di 88 ore del suo razzo al plasma Vasimr a 80 kW. Il test, condotto presso il laboratorio dell’azienda in Texas vicino a Houston, ha costituito un nuovo record mondiale di resistenza ad alta potenza nella propulsione missilistica.

Anni di continui errori per Vasimr

“Il test è un grande successo, il culmine di anni di prove ed errori e di meticolosa attenzione ai dettagli e una bella ricompensa per la tenacia e la dedizione del team”, ha affermato Franklin R. Chang Díaz, presidente e CEO di Astra Rocket Company’s, che ha volato in sette missioni separate come astronauta della NASA, registrando  1.601 ore nello spazio.

Il razzo Variable Specific Impulse Magnetoplasma Rocket (Vasimr) è stato progettato per volare con un motore che utilizza reattori nucleari per riscaldare plasma a due milioni di gradi. Il gas calcdo viene poi incanalato, tramite campi magnetici, dal retro del motore per spingerlo, in teoria, a velocità fino a 197.950 km/h. L’obiettivo di Astra Rocket Company’s è rendere possibile un volo spaziale molto più veloce, ma anche molto più sicuro. Sebbene i veicoli Vasimr richiedano ancora razzi chimici per raggiungere l’orbita, una volta in orbita, migliorerà notevolmente la sicurezza dell’equipaggio, secondo la compagnia.

Quattro volte più veloce dei razzi chimici esistenti

Nei sette mesi previsti dalla NASA per far volare gli esseri umani su Marte, potrebbe verificarsi un numero qualsiasi di guasti catastrofici. Ecco perché Franklin R. Chang Díaz ha detto in un’intervista del 2010 che “i razzi chimici non ci porteranno su Marte. È solo un viaggio troppo lungo”. Un razzo convenzionale deve utilizzare l’intera riserva di carburante in un’unica esplosione controllata durante il lancio prima di spingersi verso Marte

Non esiste una procedura di interruzione. La nave non sarà in grado di cambiare rotta e, in caso di guasto, il controllo missione avrebbe un ritardo di comunicazione di 10 minuti. Questo significa che potrebbero ritrovarsi a guardare impotenti mentre l’equipaggio muore lentamente. Il razzo al plasma Vasimr d’altra parte, sosterrà la propulsione durante il viaggio verso il pianeta rosso. Accelererà fino a raggiungere una velocità massima di 54 km al secondo entro 20 giorni, rendendolo quattro volte più veloce di qualsiasi razzo chimico esistente. 

Ciò ridurrebbe il viaggio di sette mesi stimato di circa sei mesi. Meno tempo per viaggiare nello spazio significa meno esposizione alla radiazione solare. Un recente studio afferma che le missioni su Marte non dovrebbero superare i 4 anni per la sicurezza dell’equipaggio. Meno rischi di guasti meccanici e meno rischi per la salute dovuti agli effetti dell’atrofia muscolare della gravità zero . Poiché il motore al plasma della nave può fornire propulsione in qualsiasi momento, potrebbe anche cambiare rotta se necessario.

Piani per il futuro

Dopo il successo del test di resistenza del razzo al plasma di Astra Rocket Company’s, la società ha annunciato i suoi piani per il futuro. “Con una nuova serie di modifiche al motore già in fase di produzione, ora passeremo a dimostrare lo stato termico stazionario a 100 kW nella seconda metà del 2021”, ha affermato Díaz nel comunicato stampa. Anche altre aziende come la DARPA stanno sviluppando razzi a propulsione nucleare. L’agenzia del Pentagono ha annunciato che vuole dimostrare la fattibilità di un sistema di propulsione termica nucleare sopra l’orbita terrestre bassa nel 2025. Il volo spaziale sembra essere sulla buona strada per diventare nucleare, in una mossa che aumenterebbe notevolmente la capacità dell’umanità di muoversi nello spazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.