Tardigradi: primi viaggiatori interstellari

I tardigradi, esseri grandi appena 0,5mm sono gli animali più resistenti che conosciamo e saranno certamente i primi viaggiatori interstellari
Il tardigrado Hypsibius dujardini

Rendere gli umani una specie interstellare è un sogno ambizioso portato avanti da molti scienziati incluso il defunto Stephen Hawking, scrittori di fantascienza e appassionati. Ma prima di ciò, dobbiamo progettare e testare mezzi di propulsione e trasporto interstellare che ci permettano di raggiungere la stella più vicina in un tempi ragionevoli. In questa ambizione, i ricercatori motivati ​​dal progetto Starlight della NASA, che mira a inviare vele spaziali azionate da raggi laser, stanno studiando quali specie sarebbe possibile collocare a bordo dei primi vascelli. Ebbene si, i tardigradi, saranno certamente i primi viaggiatori interstellari.

Il Project Starlight

In un nuovo studio intitolato “Biologia spaziale interstellare via Project Starlight”, pubblicato sulla rivista Acta Astronautica (rif.), un team internazionale di ricercatori determina quale specie animale sarebbe la più adatta per intraprendere un viaggio interstellare, che dovrebbe durare circa vent’anni, a bordo i primi (piccoli) velieri.

Il sistema DEEP IN (Directed Energy Propulsion for Interstellar Exploration), proposto dalla NASA nell’ambito del progetto Starlight, mira a spingere le vele spaziali ad almeno il 20% della velocità della luce utilizzando raggi laser puntati dalla Terra. Pertanto, sarebbe possibile raggiungere la stella e il sistema planetario più vicini, Alpha Centauri situato a 4.367 anni luce di distanza, in poco più di 20 anni.

I ricercatori hanno quindi selezionato specie note per la loro resistenza a diversi ambienti estremi, inclusi nematodi, rotiferi, funghi, batteri e, naturalmente, i tardigradi. Come alcuni di voi sapranno, i tardigradi conoscono già lo spazio. Alcuni progetti di studio a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), ad esempio, hanno dimostrato di essere in grado di sopravvivere al vuoto dello spazio.

 Più di recente, una missione lunare israeliana Beresheet ha portato migliaia di tardigradi a bordo di una sonda che purtroppo si è schiantata. Quindi in questo istante è probabile che migliaia di orsi acquatici (come a volte vengono soprannominati) stiano “tranquillamente” in giro sulla superfice della Luna.

Tardigradi, nuovi esploratori spaziali ?

In altre parole, questi incredibili animali, che misurano solo 0,5 millimetri di lunghezza e la cui biologia è ancora parzialmente sconosciuta, sono già dei veri esploratori dello spazio. Senza esagerare, sono gli esseri viventi più resistenti che conosciamo. Quindi, non ci sono dubbi: tra i primi viaggiatori interstellari terrestri ci saranno senza dubbio i tardigradi.

Ma a che punto siamo con l’esplorazione dello spazio profondo ? Finora, solo cinque navi hanno lasciato il nostro sistema solare. Queste navi, di cui fanno parte le due sonde Voyager, hanno impiegato decenni solo per lasciare il nostro sistema e raggiungere lo spazio interstellare, il cui limite è a circa 18 miliardi di chilometri dalla Terra.

Questa stessa distanza potrebbe essere coperta in pochi giorni dalle vele solari della NASA, e permetterci così di testare la fattibilità del trasporto delle prime forme di vita su distanze così grandi. Le precedenti navi a lungo raggio contenevano solo messaggi, come i dischi d’oro incisi delle sonde Voyager. “Man mano che le capacità di propulsione a energia diretta si sviluppano, il volo relativistico diventerà possibile”, scrivono i ricercatori nel loro studio.

Immagine artistica concettuale dello Starlight Project della NASA
Immagine artistica concettuale dello Starlight Project della NASA

Possiamo imparare qualcosa dai Tardigradi ?

In un nuovo studio, Stephen Lantin dell’Università della Florida e i suoi colleghi hanno analizzato la quantità di cibo necessaria per mantenere in vita specie diverse, il loro peso e la loro resistenza ai livelli di radiazioni e alle forti accelerazioni che avrebbero incontrato durante il loro viaggio. I tardigradi, che richiedono poca “manutenzione”, sembrano essere ottimi candidati per diventare i primi viaggiatori interstellari.

“Sarebbe bello inviare esseri umani, ma ci sono alcuni vincoli biologici che renderebbero più favorevole l’invio di altri organismi, almeno durante i primi voli”, afferma Lantin. “Ci vuole molta energia per inviare qualsiasi cosa nello spazio interstellare, almeno alle velocità che proponiamo, e per farlo è necessario un carico utile davvero ridotto”. Sfortunatamente, un volo del genere sarebbe una missione senza ritorno.

I tardigradi e il minuscolo Caenorhabditis elegans, una specie di nematode inclusa nello studio, hanno entrambi il vantaggio di essere capaci di criptobiosi. Il processo è una forma di letargo estremo in cui gli animali rallentano drasticamente il loro metabolismo quando si trovano in condizioni avverse come l’essiccazione o congelamento. Si ritiene che i tardigradi utilizzino solo lo 0,01% del loro normale consumo energetico quando sono in criptobiosi. In precedenti studi è già stato dimostrato che sopravvivono al volo spaziale e persino all’esposizione al vuoto spaziale.

Le conclusioni

Thomas Boothby dell’Università del Wyoming afferma che i tardigradi hanno una capacità di recupero notevole rispetto a quasi tutti gli animali, ma il viaggio interstellare è molto più estremo dell’orbita terrestre bassa. “Penso che i tardigradi potrebbero insegnarci molte cose su come noi umani potremmo andare d’accordo. Una delle lezioni principali di questo tipo di esperimento sarebbe probabilmente identificare i trucchi usati dai tardigradi per sopravvivere. Sarebbe utile per cercare di sviluppare terapie o contromisure per gli umani che affrontano lo stress dei viaggi interstellari “, spiega il ricercatore. 

Un giorno potremo beneficiare di alcuni dei loro superpoteri grazie all’editing genetico. “L’invio di piccole forme di vita criptobiotiche come organismi modello, può aprire la strada alla ricerca di organismi più complessi e meno robusti nello spazio interstellare”, scrivono i ricercatori nel loro articolo. “Le informazioni presentate in questo studio mirano a facilitare la progettazione e chiarire lo spazio sperimentale attualmente disponibile per le missioni di biologia spaziale interstellare. Il lavoro futuro nello sviluppo di esperimenti di biosentinelle interstellari più sofisticati e progettazione di hardware, che porteranno a una comprensione più profonda della nostra biologia e dei mondi che ci circondano, sarà uno dei più grandi sforzi dell’umanità”, concludono.

2 comments
  1. L’essere umano è stato ideato per vivere sulla terra.Non riuscirà mai a vivere altrove. E il sacrificio di altri esseri è inutile.Siamo una specie diversa .

    1. Cara Laura che l’essere umano non sia ancora una specie interstellare è fuori di dubbio, che non lo diventerà mai e non protà mai vivere altrove lo trovo alquanto improbabile. In ogni caso nessuna specie viene sacrificata ed i tardigradi non sono cavie, ma viaggiatori spaziali già oggi inconsapevolmente. Continua a seguirci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *