SpaceX: i preparativi per il primo Lancio Orbitale procedono spediti

Assemblaggio OLIT nella Starbase
Assemblaggio della nona sezione OLIT di SpaceX.

Giornata molto ricca di lavoro alla SpaceX, dove si corre per ultimare i lavori in vista del primo lancio orbitale di Starship e Super Heavy. Lo scheletro della Torre di Lancio Orbitale (OLIT) è stato praticamente ultimato con l’aggiunta della nona sezione intravista negli ultimi tempi, mentre GSE-5 e il tanto agognato Table Launch, che ha avuto una gestazione lunghissima, sono stati spostati presso il sito di lancio all’interno della Starbase. Il primo è stato anche montato ed aggiunto alla tank farm.

Cosa manca per il primo lancio orbitale Starship

Innanzitutto i vettori: Booster 4 e Starship 20 sono ancora in costruzione. Il primo nella highbay, il secondo in midbay. Per il booster sono arrivate tutte le sezioni e si attende solo di assemblare i quattro pezzi in cui ora è diviso, mentre per il prototipo Starship bisognerà prima spostarlo nella Highbay – presumibilmente quando B4 sarà pronto e spostato sul pad di lancio orbitale – e poi montare le altre due sezioni rimanenti. Dalle fotografie che arrivano da Boca Chica, sembra che i flap anteriori ancora non siano arrivati. Tuttavia, il fatto che i Raptor siano stati smontati da Booster 3, significa che il rilascio del successivo prototipo è imminente e che entro il prossimo mese potremmo addirittura vedere uno static fire, questa volta con ben 9 motori.

Per quanto riguarda la tank farm, mancano ancora due GSE all’appello per essere completa. Uno è ancora tutto da costruire (i pezzi non sono ancora arrivati), mentre l’altro è a buon punto e tra non molto potrà seguire le orme di GSE-5. Oltre a questo, è ancora da realizzare l’ultimo guscio di protezione.

Stato di avanzamento dei lavori alla Starbase SpaceX. Le linee bianche che dividono le sezioni indicano che i pezzi devono ancora essere assemblati.
Stato di avanzamento dei lavori alla Starbase SpaceX. Le linee bianche che dividono le sezioni indicano che i pezzi devono ancora essere assemblati. Credits: Brendon Lewis.

Nella nottata di ieri, il tavolo di lancio, o table launch, è stato finalmente spostato presso il sito ed è pronto per essere montato sul pad di lancio orbitale. Questo rappresenta un tassello fondamentale del puzzle perché è lì che andrà a poggiare Booster 4, quindi il fatto che lo abbiano spostato, e a breve montato, vuol dire proprio che il rilascio del prototipo Super Heavy è veramente imminente. Anche la torre oramai è completa, mancano ‘soltanto’ i cablaggi che, con ogni probabilità, saranno inseriti entro la prima metà di settembre.

Quando il lancio orbitale di Starship SpaceX

Seguendo lo schema utilizzato in tutti questi anni dalla SpaceX, è molto probabile di vedere un tentativo di lancio orbitale di Starship e Super Heavy entro la fine dell’anno. Se la tank farm non sarà completa, è impossibile pensare a un lancio poiché non ci sarebbero contenitori a sufficienza per immagazzinare propellente e ossidante in vista del lancio. Stesso dicasi per la Torre, alla quale dovrà essere agganciata l’enorme struttura complessiva di Starship e Super Heavy (più di 120 metri!). In contemporanea ai lavori sul sito di lancio orbitale, però, potremo certamente assistere ai test criogenici, di pressione e static fire per entrambi i prototipi. Volendo essere ottimisti, sbilanciandoci, il lancio potrebbe avvenire entro la fine di Ottobre. Ma i ritardi in casa SpaceX non sono rarità, quindi non ci resta che attendere nuove da Boca Chica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.