Scoperto anomalo buco nero

Rappresentazione di un buco nero
Rappresentazione di un buco nero.

Un team internazionale guidato dagli astronomi dell’Australian National University (ANU) ha scoperto un anomalo buco nero in rapida e continua crescita da 9 miliardi di anni (rif.). Questo oggetto dalle enormi dimensioni, consuma l’equivalente della massa della Terra ogni secondo e brilla 7.000 volte più luminoso di tutta la luce della nostra galassia, rendendolo visibile agli astronomi del cortile ben equipaggiati.

Il ricercatore capo Christopher Onken ei suoi coautori lo descrivono come un ago molto grande e inaspettato nell’infinito pagliaio dell’Universo. “Gli astronomi hanno cercato oggetti come questo per più di 50 anni. Ne hanno trovati migliaia di più deboli, ma questo sorprendentemente luminoso era passato inosservato”, ha detto il dottor Onken. Il buco nero ha la massa di tre miliardi di soli. 

Un buco nero unico

Altri oggetti di simili dimensioni hanno hanno arrestato la loro rapida espansione miliardi di anni fa. “Ora vogliamo sapere perché questo è diverso: è successo qualcosa di catastrofico? Forse due grandi galassie si sono schiantate l’una contro l’altra, incanalando molto materiale per alimentarlo”, ha detto il dottor Onken. Il coautore, Christian Wolf, ha dichiarato: “Questo buco nero è così anomalo che, anche se non dovresti mai dire mai, non credo che ne troveremo un altro come questo. Siamo abbastanza fiduciosi che questo record non verrà battuto. Abbiamo sostanzialmente esaurito il cielo dove oggetti come questo potrebbero nascondersi”.

Il buco nero ha una magnitudine visiva di 14,5, una misura di quanto un oggetto appare luminoso a un osservatore sulla Terra. Ciò significa che chiunque abbia un telescopio decente in un cortile molto buio può vederlo comodamente. “È 500 volte più grande di Sagittarius A* nella nostra galassia”, ha detto il ricercatore Samuel Lai. “Le orbite dei pianeti nel nostro sistema solare rientrerebbero tutte nel suo orizzonte degli eventi, il confine del buco nero da cui nulla può sfuggire”. La scoperta è stata fatta nell’ambito del progetto SkyMapper.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *