Pianeta GJ1252b: stravolge la ricerca di esopianeti

La scoperta del pianeta GJ1252b stravolge radicalmente la ricerca di vita extraterrestre e di esopianeti potenzialmente abitabili
Illustrazione di una stella nana M con un ipotetico esopianeta. Le nane rosse eruttano intensi bagliori che nel tempo potrebbero spazzare via l’atmosfera di un pianeta vicino o rendere la superficie inospitale per la vita come la conosciamo. Credito:

Se dobbiamo ricercare segni di vita fuori dal nostro Sistema Solare o esopianeti che posso ospitarla, abbiamo compreso da tempo, che dobbiamo farlo in prossimità delle stelle nane M, le più comuni nell’Universo. Lo stesso telescopio spaziale di ultima generazione James Webb, indagherà nei i dintorni di queste stelle. Una recente scoperta però mette in dubbio questa convinzione. Un pianeta, simile alla Terra, in orbita attorno a una nana M, sembrerebbe non avere alcuna atmosfera. Il pianeta, chiamato GJ1252b, stravolge i parametri di ricerca e le nostre convinzioni nella caccia a gli esopianeti.

GJ1252b un pianeta torrido

Poiché le nane M sono onnipresenti, questa scoperta potrebbe avere una valenza smisurata, visto che un gran numero di pianeti in orbita attorno a queste stelle, non avrebbe un atmosfera. Di conseguenza è improbabile che ospitino la vita come la conosciamo. Lo studio scientifico (rif.) che ha scoperto GJ1252b, è stato pubblicato sull’autorevole rivista The Astrophysical Journal Letters. Il pianeta orbita attorno alla sua stella due volte nel corso di un singolo giorno terrestre. È leggermente più grande della Terra ed è molto più vicino alla sua stella di quanto la Terra sia al Sole. L’ultima proprietà lo rende intensamente caldo e inospitale.

“La pressione della radiazione della stella è immensa, abbastanza da spazzare via l’atmosfera di un pianeta”, ha affermato Michelle Hill, astrofisica di UC Riverside e coautrice dello studio. Anche la Terra perde costantemente parte della sua atmosfera a causa del Sole. Ma le emissioni vulcaniche e gli altri processi di ciclo del carbonio, rendono la perdita appena percettibile aiutando a rimpiazzare la quantità perduta. Tuttavia, il fenomeno è direttamente proporzionale alla distanza, un pianeta non può continuare a reintegrare la quantità di atmosfera persa se troppo prossimo alla sua stella. Nel Sistema Solare, questo è stato il destino di Mercurio. Ha un’atmosfera, estremamente sottile, composta da pochi atomi, che vengono spazzati via in poco tempo dal vento solare e dall’enorme calore. 

Per determinare che GJ1252b fosse privo di atmosfera, gli astronomi hanno misurato la radiazione infrarossa del pianeta mentre la sua luce era oscurata durante un’eclissi secondaria. Questo tipo di eclissi, si verifica quando un pianeta passa dietro una stella e la luce del pianeta, così come la luce riflessa dalla sua stella, viene bloccata. La radiazione ha rivelato che le temperature diurne del pianeta, superano abbondantemente i 1200° C. Il calore, insieme alla presunta bassa pressione superficiale, ha portato i ricercatori a credere che non ci sia atmosfera.

Una speranza per la ricerca di esopianeti

Anche con un’enorme quantità di anidride carbonica, che intrappolerebbe il calore, i ricercatori hanno concluso che GJ1252b non sarebbe comunque in grado di trattenere un’atmosfera. “Il pianeta potrebbe avere 700 volte più carbonio della Terra e non avrebbe comunque un’atmosfera. Inizialmente si accumulerebbe, ma poi la quota colerebbe a picco”, ha affermato Stephen Kane, astrofisico dell’UCR e coautore dello studio. Inoltre bisogna sempre tenere a mente che le stelle nane M, tendono ad avere più bagliori e attività rispetto al Sole. Questi fenomeni riducono ulteriormente la probabilità che i pianeti che li circondano da vicino possano trattenere la loro atmosfera.

“La situazione del pianeta GJ1252b stravolge la ricerca di esopianeti a maggior ragione per pianeti ancora più lontani da questo tipo di stella”, ha detto Hill. “Questo è qualcosa che impareremo dal James Webb Space Telescope, che osserverà pianeti come questi”. Ci sono 5.000 stelle nel vicinato della Terra, la maggior parte delle quali nane M. Anche se i pianeti in orbita attorno a loro, possono essere esclusi del tutto, ci sono ancora circa 1.000 stelle simili al sole che potrebbero essere abitabili. “Se un pianeta è abbastanza lontano da una nana M, potrebbe potenzialmente trattenere un’atmosfera. Non possiamo ancora concludere che tutti i pianeti rocciosi attorno a questa tipologia di stelle, vengano ridotti al destino di Mercurio. Rimango Ottimista”, ha detto Hill.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *