Ossigeno su Marte: la NASA ne produce 100 minuti

Un immagine della sonda Perseverance che prodotto 100 minuti di ossigeno su Marte
La sonda spaziale Perseverance ha prodotto sul pianeta rosso 100 minuti di ossigeno, grazie allo strumento MOXIE. Credit: NASA

Un piccolo esperimento della NASA per produrre ossigeno su Marte è riuscito a generare circa 100 minuti di ossigeno respirabile nel 2021. Ora, questo esperimento è destinato ad essere ampliato per supportare la futura esplorazione umana.

MOXIE produttore di ossigeno

Il Mars Oxygen In-Situ Resource Utilization Experiment (MOXIE) è un piccolo dispositivo generatore di ossigeno che è atterrato sul Pianeta Rosso in cima al rover Perseverance nel febbraio 2021. Nel corso di sette cicli di produzione della durata di un’ora durante il 2021, MOXIE è stato in grado di produrre in modo affidabile circa 15 minuti di ossigeno all’ora in una varietà di condizioni planetarie difficili. 

Il tutto per un totale di 50 grammi di ossigeno, circa 100 minuti di ossigeno respirabile per un singolo astronauta. “Al più alto livello, questo è solo un brillante successo”, afferma Michael Hecht del MIT Haystack Observatory, che co-guida l’esperimento MOXIE. Di giorno o di notte, a diverse temperature estreme e sulla scia di una tempesta di polvere, Hecht afferma che MOXIE ha continuato a produrre il gas con elevata purezza. Il team della NASA sta ora cercando di creare una versione più grande del dispositivo. L’obiettivo sarebbe produrrebbe non solo il supporto vitale per una missione su Marte con equipaggio, ma anche il comburente per spingere il veicolo a lasciare il pianeta rosso.

Un immagine del dispositivo MOXIE che ha prodotto ossigeno direttamente su Marte.
Un immagine del dispositivo MOXIE che ha prodotto ossigeno direttamente su Marte. Credit: NASA

MOXIE richiede pompe e compressori per aspirare l’anidride carbonica dall’atmosfera marziana, nonché riscaldatori in grado di aumentare la temperatura dell’aria a 800°C (1470°F). Il dispositivo estrae quindi gli atomi di ossigeno dall’anidride carbonica per produrre il prezioso gas. Tuttavia, ci saranno alcune sfide nel potenziare questa tecnologia, afferma Gerald Sanders al Johnson Space Center della NASA a Houston.

Le sfide costruttive per produrre ossigeno su Marte

Tra le maggiori sfide ci sarà senza dubbio quella della gestione della temperatura interna e garantire che il dispositivo si riscaldi in modo uniforme per evitare che si rompa. Sanders afferma anche che un dispositivo a ossigeno in grado di supportare una missione umana dovrebbe funzionare ininterrottamente per circa 400 giorni. Al momento l’esperimento in scala MOXIE ha compiuto produzioni della durata massima di 1h.

“Sono molte ore per installare l’hardware, indipendentemente dalla tecnologia”, ha affermato Sanders. “Tuttavia, il primo anno di successi di MOXIE è stato un grande passo avanti nel mostrare il potenziale della tecnologia”, ha aggiunto Sanders. La NASA sta ora testando l’hardware necessario su una scala che sarebbe rilevante per una missione umana. È probabile che la versione più grande abbia una dimensione di circa un metro cubo, il che non dovrebbe rappresentare un problema insormontabile per le future missioni spaziali su Marte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.