I nuovi dati raccolti dal Mars Reconnaissance Orbiter hanno permesso di creare una nuova mappa del ghiaccio su Marte

Nuova mappa del ghiaccio su Marte aiuterà le future missioni

AstronewsSistema Solare

Il progetto Subsurface Water Ice Mapping (SWIM), finanziato dalla NASA, ha pubblicato la sua quarta e più recente mappa del ghiaccio sotterraneo su Marte. I funzionari della NASA affermano che questa mappa aiuterà i pianificatori della missione a decidere inviare effettivamente i primi esseri umani.

Il progetto SWIM

Dal 2017, lo SWIM gestito dal Jet Propulsion Laboratory della NASA, ha raccolto dati da diverse missioni sul pianeta rosso. Per l’ultimo aggiornamento della mappa, gli scienziati si sono basati sui dati della Context Camera (CTX) e dell’High Risoluzione Imaging Experiment (HIRISE) a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter

Questi strumenti forniscono immagini ad alta risoluzione del terreno marziano. Possono identificare minuscoli crateri da impatto sulla superficie marziana rivelando il ghiaccio, o il cosiddetto terreno poligonale. Questa tipologia di terreno è dove il ghiaccio si scioglie e si ricongela con le stagioni del pianeta.

Sapere dove si può trovare il ghiaccio su Marte è fondamentale per la pianificazione di una futura missione con equipaggio. Gli astronauti devono trovare acqua ghiacciata, che fornirà loro una preziosa fonte in modo da non doverne trasportare in grandi quantità dalla Terra

I poli sono il luogo giusto ?

Tutto farebbe pensare che la migliore zona di atterraggio si trova vicino ai poli marziani. Ma i tecnici non vogliono nemmeno far atterrare gli astronauti dove fa freddo. Se fa troppo freddo, l’equipaggio dovrà utilizzare quantità extra di preziosa energia per mantenersi al caldo. “Se mandi gli esseri umani su Marte, vorrai portarli il più vicino possibile all’equatore”, ha detto in una nota Sydney Do (rif.), project manager di SWIM. 

Un luogo ideale, quindi, sarebbe una zona con la latitudine più bassa possibile che contenga ancora ghiaccio accessibile. E per queste ragioni che le mappe del ghiaccio marziano tornano utili. Ma al di là della pianificazione della missione, gli scienziati credono di poter utilizzare mappe come quella di SWIM per capire meglio l’aspetto di Marte.

“La quantità di ghiaccio d’acqua trovata in luoghi alle medie latitudini marziane non è uniforme. Alcune regioni sembrano averne più di altre, e nessuno sa veramente perché”, ha affermato Nathaniel Putzig, co-responsabile di SWIM presso il Planetary Science Institute. “La nuova mappa SWIM potrebbe portare a nuove ipotesi sul perché si verificano queste variazioni”.

Stefano Gallotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *