La Cina lancia il suo osservatorio solare

La Cina avrà il proprio osservatorio solare, all'inizio del mese tramite il vettore Chang Zheng 2D la sonda è stata spedita in orbita
L’immagine del lancio della sonda solare ASO-S con il vettore cinese Long March 2D.

La Cina ha lanciato l’Advanced Space-borne Solar Observatory (ASO-S) con il vettore Chang Zheng 2D. Il lancio è avvenuto l’8 ottobre, alle 23:43 UTC, ed è stato confermato un successo. In questo modo la Cina avrà il proprio osservatorio solare che opererà in un’orbita sincrona solare di 720 km e osserverà il Sole 24 ore al giorno.

ASO-S è progettato per operare per quattro anni nella sua missione di monitoraggio e ed osservazione del ciclo solare. Pesa appena 888 kg e porterà il soprannome di “Kuafu-1”, in onore del gigante della mitologia cinese che ha cercato di inseguire il Sole. Questo soprannome è stato scelto dopo la partecipazione pubblica per nominare il veicolo spaziale.

Tecnologia dell’osservatorio solare

Fu originariamente proposto nel 1976 come ASTRON-1, che non fu mai completamente finanziato e abbandonato subito dopo. Con l’istituzione del programma prioritario per le scienze spaziali dell’Accademia cinese delle scienze (CAS) nel 2011, il piano della Cina per l’osservatorio solare è stato rivisitato. Nel 2014 è stato studiato se il carico utile fosse fattibile ed è stato approvato nell’aprile 2016. Successivamente, è iniziata l’assemblaggio degli strumenti scientifici. L’assemblaggio e la costruzione di ASO-S si sono conclusi nell’agosto 2022 quando ha avuto il via libera per procedere al lancio. 

ASO-S è dotato di tre strumenti. Il primo è un magnetografo vettoriale a disco intero (FMG) che verrà utilizzato per monitorare il campo magnetico dell’intero Sole. Può operare con una sensibilità di 0,5 mT (milli Tesla) e sarà utilizzato principalmente per osservare la fotosfera del Sole, che è il guscio esterno della nostra stella. L’FMG è stato sviluppato dall’Istituto di ottica e meccanica di precisione di Xián.

Il render illustra gli strumenti tecnologici a bordo della sonda ASO-S che osserverà a breve il sole per una durata di 4 anni.
Il render illustra gli strumenti tecnologici a bordo della sonda ASO-S che osserverà a breve il sole per una durata di 4 anni. Credit: cnsapceflight

Come secondo strumento, trasporta una fotocamera Hard X-ray Imager (HXI). Questa fotocamera può acquisire immagini di brillamenti solari nell’area da 30 keV a 200 keV e verrà utilizzata per prevedere, monitorare e ricercare i futuri brillamenti solari. HXI è stato costruito dal Purple Mountain Observatory.

L’ultimo strumento è un set di tre telescopi solari Lymar-alpha (LST). Questi saranno usati per osservare la parte interna della coronasfera e le eruzioni solari. I tre telescopi sono il WST, che può monitorare la luce bianca emessa dal Sole, l’SDI, che sarà in grado di ottenere immagini del disco solare, e l’SCI, che è un coronografo.  L’LST è stato sviluppato dal Changchun Institute of Optics, Fine Mechanics and Physics.

Il vettore Long March 2D

L’osservatorio è alimentato da due pannelli solari mobili che dovrebbero fornire 898 W di potenza. La manovrabilità della sonda consente una precisione di puntamento di 0,01°, misurando il Sole. È inoltre dotato di 4 TB di storage e può trasmettere fino a 1 Gbit/s di dati a terra. Si prevede che l’osservatorio sia pienamente operativo prima del picco dell’attività solare in questo ciclo, che dovrebbe verificarsi intorno al 2023/2024. Sarà gestito dal Purple Mountain Observatory.

Come veicolo di lancio è stato scelto il Chang Zheng 2D. Questo è già il suo decimo volo nel 2022, il che lo mantiene come il secondo razzo più lanciato dell’anno dopo SpaceX Falcon 9. È un razzo di classe orbitale, prodotto dalla Shanghai Academy of Spaceflight Technology (SAST), ed è composto da due stadi. Ha un altezza di 41 metri con un diametro di 3,35 metri e una massa al decollo di 232.250 kg. Il suo primo stadio è alimentato da quattro motori YF-21C e, come l’intero razzo, alimentato da tetraossido di diazoto e idrazina. 

Al decollo, ha una spinta di 2.961,6 kN. Il secondo stadio è alimentato da un singolo motore YF-24C, che può fornire fino a 742,04 kN per l’inserimento finale in orbita. Per carichi molto impegnativi, è possibile aggiungere un terzo stadio, chiamato YZ-3. Questo è usato molto raramente e non è stato utilizzato in questo lancio. Il lancio è stato condotto dal Jiuquan Satellite Launch Center (JSLC), istituito come sito di lancio e test missilistici nel 1958, il più antico dei quattro spazioporti cinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *