James Webb prepara l’allineamento degli specchi

Alliniamento delle sezioni dello specchio principale di James Webb
Il processo di alliniamento degli specchi del telescopio James Webb. Credit: NASA

Il James Webb Space Telescope è arrivato alla sua destinazione presso il Lagrange Point 2 (L2) TerraSole, che si trova a circa 1,5 milioni di chilometri dal nostro pianeta. I principali ricercatori del team scientifico di Webb hanno delineato il loro piano nella sede operativa allo Space Telescope Science Institute (STScI) a Baltimora. Gli ingegneri hanno continuato a lavorare per mettere in funzione l’osservatorio. Questa settimana è avvenuta una pietra miliare chiave: l’accensione dei suoi strumenti scientifici e l’inizio dell’allineamento degli specchi.

Jonathan Gardner, vice scienziato senior del progetto Webb presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, ha esaminato gli ultimi mesi di preparativi prima di fornire un breve aggiornamento su come stanno andando le cose in orbita. “Ci sono stati 50 importanti dispiegamenti; tutti hanno avuto successo”, ha detto del dispiegamento dello specchio del telescopio. Tutto secondo i piani.

Nel frattempo, sia i dilettanti che i professionisti stanno già inviando dati dagli osservatori improvvisati che dalle sedi professionali.  La luminosità di Webb cambia in un ciclo ripetibile di sei ore. Il pannello solare dell’osservatorio riflette uno scintillio di luce solare verso la Terra, durante la sua rotazione regolare. “Il parasole riflette la luce solare direttamente sulla Terra ed emette un bagliore, altre volte è una luce più diffusa”, ha detto Gardner. La messa in servizio richiederà ancora diversi mesi, ha affermato Mike McElwain, scienziato del progetto dell’osservatorio Webb.

L’allineamento degli specchi di James Webb

“Allineeremo il telescopio, si tratta di un processo di circa tre mesi che prevediamo di iniziare all’inizio della prossima settimana”, ha detto, osservando che le prestazioni ottiche del telescopio saranno valutate per determinare la quantità di luce diffusa prodotta dall’ottica. La messa in servizio ottica includerà diversi passaggi complessi, a volte in sequenza e a volte in modo iterativo.

Per guidare l’allineamento dello specchio, il team di James Webb concentrerà ciascuno dei 18 segmenti dello specchio primario su una stella luminosa e lontana chiamata HD 84406, che fa parte della costellazione dell’Orsa Maggiore. Un “ulteriore livello di complessità” durante la messa in servizio, ha osservato McElwain, è che le prestazioni del telescopio cambieranno mentre si raffredda. Alla fine la temperatura operativa di Webb sarà di circa 45 Kelvin pari a meno 228 gradi Celsius.

Le operazioni scientifiche

Il team si sta ora preparando per passare alle operazioni scientifiche attraverso la messa in servizio degli strumenti. Attività partita in ritardo rispetto alla tabella di marcia, ha affermato Jane Rigby, scienziata del progetto operativo Webb presso Goddard. Gli strumenti stanno prendono man mano vita, ha detto Rigby, un “Siamo in periodo intenso di due mesi in cui controlliamo gli strumenti scientifici e li prepariamo per le operazioni scientifiche”

La calibrazione completa attenderà fino al Ciclo 1, circa sei mesi, intorno al 25 giugno. Ciò significa che gli strumenti saranno completamente pronti per le operazioni scientifiche nel mezzo di questa raccolta di dati. Più o meno nello stesso periodo arriverà un rilascio anticipato di osservazioni, comprese le prime immagini. Ci sarà una serie di immagini in vetrina “Progettate per essere sulle prime pagine dei media di tutto il mondo”, ha detto Rigby.

Le proposte del “Ciclo 1” disponibili sul sito web della STScI, sono già approvate e programmate. Tutti i progetti sono configurati in un programma a lungo termine. Il team ogni 10 giorni elabora variazioni per aumentare la flessibilità per eventi non pianificati come “obiettivi di opportunità”, che significa fenomeni a breve termine nel cielo come comete o supernove.

Le proposte scientifiche del “Ciclo 2” saranno probabilmente presentate a Gennaio 2023, supponendo che tutte le operazioni che riguardano James Webb, procedano secondo i piani. 
Le sottoscrizioni per l’uso del telescopio in numerosi progetti scientifici è in forte aumento. La sua ambiziosa agenda scientifica, va dall’apprendimento dell’universo primordiale allo studio degli oggetti celesti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.