La sonda JUNO della NASA ha permesso ai ricercatori di completare la mappatura dei vulcani attivi sulla luna gioviana Io

Il pianeta più ricoperto di vulcani attivi dell’intero Sistema Solare è la luna di Giove, Io. Questa luna potrebbe possedere un oceano globale di magma sotto la sua superficie e dei poli misteriosamente caldi. La più interna delle quattro lune più grandi di Giove, è leggermente più grande della nostra LunaIo è il corpo vulcanicamente più attivo del sistema solare, pieno di pennacchi che si innalzano fino a più di 500 chilometri sopra la superficie.

L’attività vulcanica di Io

Precedenti ricerche avevano scoperto che il livello estremo di attività vulcanica su Io è dovuto al cosiddetto riscaldamento delle maree. Mentre le maree sulla Terra sono causate dall’attrazione gravitazionale della Luna e del Sole, le forze di marea su Io sono causate principalmente da Giove. La forza risultante di flessione della roccia crea un calore intenso a causa dell’attrito.

L’attività vulcanica su Io riflette probabilmente il modo in cui il calore scorre all’interno della Luna, facendo luce sui suoi meccanismi interni. Tuttavia, fino ad ora, gli scienziati non disponevano di una mappa completa dei vulcani attivi di Io a causa della scarsità di dati riguardanti i suoi poli. Un grosso limite alle possibili deduzioni che i ricercatori potevano fare sulle cause dello straordinario vulcanismo di Io.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati della navicella spaziale JUNO della NASA, che orbita attorno a Giove. La sonda ha volato vicino a Io, raccogliendo scansioni nel vicino infrarosso dei suoi poli e consentendo la prima visione dell’attività vulcanica di Io nel suo complesso.

Osservazione di JUNO dei vulcani nella regione polare meridionale di Io. Credit: Nature Astronomy

Una visione globale

“Per la prima volta, abbiamo una visione globale dell’attività vulcanica in corso su Io. Un enorme passo avanti nella nostra comprensione del vulcanismo del pianeta”, ha affermato l’autrice principale dello studio (rif.) Ashley Davies, vulcanologa del Jet Propulsion Laboratory della NASA.

Gli scienziati hanno rilevato 266 vulcani attivi su Io. Ed il numero di vulcani sparsi sui poli è più o meno lo stesso di quello di altre parti di Io. Ma i vulcani polari emettono meno della metà dell’energia. “Prima di questa analisi si pensava che i vulcani polari di Io fossero meno numerosi e più potenti che alle latitudini più basse”, ha detto Davies. “Abbiamo dimostrato che i vulcani polari sono diffusi tanto quanto alle latitudini più basse e in realtà con una potenza emessa inferiore, suggerendo eruzioni più piccole”.

Basandosi su modelli computerizzati della luna gioviana, queste nuove scoperte suggeriscono che Io potrebbe avere un oceano di magma globale sotto la sua superficie. I modelli suggeriscono anche che il riscaldamento mareale che la Luna riceve da Giove è concentrato all’interno del mantello superiore di Io.

Allo stesso tempo, i poli apparivano insolitamente caldi. Ciò potrebbe essere dovuto a qualche proprietà della superficie di Io che trattiene il calore del Sole più ai poli che altrove sulla Luna. I ricercatori hanno anche scoperto che i vulcani del polo nord di Io avevano più del doppio dell’energia rispetto al polo sud. Le ragioni di questa anomalia rimangono incerte. “Forse la crosta polare sud è più spessa di quella nord, rendendo più difficile la risalita del magma in superficie e l’eruzione”, ha detto Davies.

Stefano Gallotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *