Hubble vs James Webb: le foto di Terzan1

Chi ha pensato che il telescopio Hubble fosse obsoleto per colpa di James Webb si sbagliava, basta osservare le immagini dell'ammasso Terzan1
Questa immagine scattata con il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA mostra Terzan 1, un ammasso globulare che si trova a circa 22.000 anni luce dalla Terra nella costellazione dello Scorpione. È uno degli 11 ammassi globulari scoperti dall’astronomo turco-armeno Agop Terzan tra il 1966 e il 1971 mentre lavorava in Francia, con sede principalmente all’Osservatorio di Lione. Credit: ESA

Mentre il telescopio spaziale James Webb sta rivelando nuove immagini dagli angoli più remoti dell’Universo visibile, il vecchio caro telescopio spaziale Hubble è tutt’altro che obsoleto e pensionato, come mostra una nuova foto dell’ammasso Terzan1.

La foto, pubblicata il 10 ottobre dalla NASA e dall’Agenzia spaziale europea (ESA), gestori congiunti della missione, mostra un ammasso globulare situato a 22.000 anni luce dalla Terra. L’immagine rivela una splendida tavolozza di stelle di diversi colori con una chiarezza straordinaria. Terzan1 non è un nuovo obiettivo per Hubble. Un’immagine dell’ammasso è stata rilasciata nel 2015 , scattata dalla Wide Field Planetary Camera 2 (WFPC2) di del telescopio spaziale. Quello strumento è stato poi sostituito dalla Wide Field Camera 3 (WFC3) durante la missione di manutenzione Hubble del 2009 . WFC3 ha sia un potere risolutivo superiore che un campo visivo più ampio rispetto a WFPC2.

L’ammasso di Terzan1

La nuova foto mostra la profondità dell’ammasso globulare in modo molto più dettagliato rispetto all’immagine precedente. La foto rivela una moltitudine di stelle rosse legate insieme dalla loro gravità reciproca. Gli ammassi globulari sono in genere una raccolta di circa centomila stelle in una forma stretta, approssimativamente sferica. Le stelle sono ammassate insieme così strettamente che la distanza media tra due stelle singole qualsiasi è di circa un anno luce. Questa è circa un quarto della distanza tra il Sole e la nostra stella vicina più vicina, Proxima Centauri

Spesso questi ammassi ospitano alcune delle stelle più antiche della nostra galassia. Questi astri appaiono rossi nell’immagine di Hubble, mentre le stelle blu, in primo piano nella foto, sono stelle più giovani che non fanno parte dell’ammasso. “L’età delle stelle nell’ammasso globulare ci dice che si sono formate durante le prime fasi della formazione delle galassie”, hanno scritto i funzionari dell’ESA in una dichiarazione del 2015. “Studiarle può anche aiutarci a capire come si sono formate le galassie”.

Gli ammassi globulari come Terzan1 sono una significativa fonte locale di raggi X, ha osservato l’ESA. “È probabile che questi raggi X provengano da sistemi stellari binari che contengono una stella di neutroni densa e una stella normale”, hanno scritto i funzionari. Una stella di neutroni è il residuo super denso lasciato da una stella simile al Sole che esplode quando esaurisce il carburante. “La stella di neutroni trascina materiale dalla stella compagna, provocando un’esplosione di emissione di raggi X”. Gli scienziati non sono sicuri di quanti buchi neri di massa stellare o intermedia si nascondano all’interno di ammassi globulari come Terzan1. Dal momento che è impossibile scovarli poichè assorbono la luce anziché irradiarla, il modo migliore per un telescopio per rilevarli è osservando la loro influenza gravitazionale sulle stelle circostanti. Sfortunatamente, questo è molto più difficile da fare in un ammasso globulare a causa della elevata densità delle stelle presenti nel cluster.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *