Corsa allo spazio: la Cina fa sul serio

La corsa allo spazio della Cina è sempre più intensa
Il vettore cinese Chang-Zheng 4C. Credit: CNSA

La corsa allo spazio della Cina è sempre più impegnativa. Nel mese di Settembre non solo sono avvenuti 4 lanci orbitali,  ma l’equipaggio di Shenzhou-14 ha eseguito due EVA al di fuori della stazione spaziale di Tiangong. Inoltre, una foto recentemente condivisa sui social, del razzo cinese ZQ-2, mostra una corsa serrata contro i veicoli americani Terran 1 (Relativity Space) e Starship (SpaceX) per essere il primo razzo a metano in orbita.

La corsa allo spazio si fa intensa grazie alla Cina

Il 2 settembre, la Cina ha condotto un lancio di Yaogan da Jiuquan. Il vettore era un Chang Zheng 4C, che porta la famiglia Chang Zheng 4 a soli sette voli dal traguardo dei 100 lanci computi. Il satellite fa parte della linea Yaogan Weixing, che è simile ai satelliti “USA” e “Kosmos” di USA e Russia. Questo significa che sono di natura militare, classificati ed etichettati ufficialmente come “satelliti di telerilevamento”

Poiché il satellite ha uno scopo militare, per ovvie ragioni gli obiettivi della missione sono segreti. Tuttavia, sono etichettati per “esperimenti scientifici, indagini sulle risorse del territorio, stima della resa delle colture e prevenzione e soccorso di disastri”.  Sia il satellite che il razzo sono costruiti dalla Shanghai Academy of Spaceflight Technology (SAST), che fa parte della China Aerospace Science and Technology Corporation (CASC). Il carico utile posizionato in un’orbita sincrona solare (SSO), sottolinea il fatto che il satellite è probabilmente ottico, poiché questa orbita consentirà al satellite di avere immagini comparabili delle stesse aree nel tempo.

Il lancio è avvenuto utilizzando il vettore Chang Zheng 4C. È un razzo a tre stadi in grado di sollevare fino a 4.200 kg su un’orbita terrestre bassa (LEO) e 2.800 kg sull’odierna orbita SSO. Finora, questa particolare configurazione è stata lanciata 45 volte con due errori. Il razzo è un aggiornamento del Chang Zheng 4B e inizialmente era chiamato Chang Zheng 4B-II. Successivamente rinominato Chang Zheng 4C, con la differenza dello stadio superiore riavviabile e la capacità di lanciare carichi utili più grandi.

Il 6 settembre, il secondo lancio è avvenuto con un razzo Kuaizhou-1A che ha lanciato i carichi utili CentiSpace-1 S3/S4 da Jiuquan. I carichi utili sono due nuovi satelliti di prova. Il primo satellite CentiSpace-1, è stato lanciato nel 2018 sulla stessa configurazione del razzo, mentre il secondo carico utile su un Kuaizhou-11 è fallito nel luglio 2020. Per questo lancio, i satelliti sono realizzati da Future Navigation, una società di Pechino. Gli ingegneri cinesi hanno utilizzato e testato tutti i tipi di tecnologie sia di navigazione che satellitari, come i collegamenti di comunicazione laser. Questa è una tecnologia di comunicazione simile a quella utilizzata sulla costellazione SpaceX Starlink

Aggiornamenti ed EVA su Taingong

Il 1 settembre, Chen Dong e Liu Yang hanno condotto un’EVA fuori dalla Stazione Spaziale cinese Tiangong, mentre Cai Xuzhe è rimasto sulla stazione. Hanno lasciato la stazione alle 10:26 UTC e l’EVA ha impiegato fino alle 16:33 UTC per essere completata.  Era la prima volta che la camera di equilibrio del modulo Wentian è stata utilizzata per avviare un’EVA. Ma è stata la prima volta anche per il braccio di controllo remoto lungo cinque metri del modulo Wentian.

Parte dell’EVA consisteva nell’installare pompe di controllo del calore sul modulo Wentian, una telecamera panoramica ad ampio campo e una varietà di altre attività. Inoltre si è verificato anche il funzionamento del Wentian Airlock installato di recente e le procedure di test per un’interruzione di emergenza di un EVA.

L'EVA all'esterno della stazione spaziale cinese Tiangong.
L’EVA all’esterno della stazione spaziale cinese Tiangong. Credit: CCTV

La corsa all’affermazione della Cina nello spazio è proseguita il 17 Settembre. Gli astronauti cinesi Chen Dong e Cai Xuzhe hanno iniziato la seconda passeggiata spaziale, appena due settimane dopo la prima. L’astronauta Liu Yang ha azionato il braccio robotico dall’interno del modulo Tianhe. L’ EVA è iniziato alle 05:35 UTC con l’apertura della camera di equilibrio del modulo scientifico Wentian. Il modulo non fornisce solo capacità scientifiche alla stazione, ma è anche dotato di una camera di equilibrio per avviare gli EVA.

Circa due ore dopo i due astronauti sono usciti dalla camera di equilibrio per l’installazione di un foot-stop, che può essere utilizzato per fissare gli astronauti al braccio robotico, e l’installazione di una nuova maniglia di emergenza in grado di aprire la botola dall’esterno.  In questa passeggiata spaziale è stata inclusa anche l’installazione di pompe aggiuntive che aiuteranno il sistema di controllo termico della stazione. L’intera operazione è durata quattro ore e 12 minuti.

Nelle fasi successive dell’EVA, hanno anche eseguito una prova di operazioni di soccorso con Cai Xuzhe che ha rilasciato entrambe le mani dalla ringhiera per simulare un’emergenza. Chen Dong ha quindi eseguito un’operazione di salvataggio simulata. Questa è una simulazione del caso in cui uno degli astronauti perdesse conoscenza durante un’EVA.

Nelle fasi successive dell’EVA, hanno anche eseguito una prova di operazioni di soccorso con Cai Xuzhe che ha rilasciato entrambe le mani dalla ringhiera per simulare un’emergenza. Chen Dong ha quindi eseguito un’operazione di salvataggio simulata. Questa è una simulazione del caso in cui uno degli astronauti perdesse conoscenza durante un’EVA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *