Conan il batterio potrebbe vivere su Marte

Il batterio Deinococcus radiodurans, nominato Conan, potrebbe essere in grado di vivere sulla superficie di Marte per milioni di anni
Deinococcus radiodurans, che è il microbo noto anche come Conan il batterio.

Il batterio più resistente della Terra, soprannominato Conan il batterio, potrebbe vivere su Marte. Giacendo dormiente sotto la superficie, sarebbe in grado di sopravvivere per milioni di anni, come dimostrato da una nuova ricerca scientifica (rif.). I risultati dello studio aumentano la probabilità che la vita microbica possa ancora esistere sul Pianeta Rosso.

Deinococcus radiodurans, è uno dei microbi più resistenti del mondo. Sopporta radiazioni abbastanza forti da uccidere qualsiasi altra forma di vita conosciuta. Lo studio dimostra che se Conan il batterio o simili esistessero su Marte, potrebbero sopravvivere a 10 metri sotto la superficie, congelato e prosciugato, per 280 milioni di anni.

Conan il batterio vince su tutti

Lo studio condotto è stato da Michael Daly, professore di patologia presso la Uniformed Services University of the Health Sciences nel Maryland. Gli scienziati hanno testato una mezza dozzina di microbi e funghi, tutti “estremofili” in grado di vivere in ambienti in cui muoiono altri organismi, per vedere il loro grado di sopravvivenza in un ambiente che simula le medie latitudini di Marte. Durante gli esperimenti, i batteri hanno affrontato temperature fino meno -63° gradi Celsius ed esposizioni a luce ultravioletta, raggi gamma e protoni ad alta energia. Tutte queste caratteristiche imitano il costante bombardamento di Marte da parte della luce ultravioletta solare e della radiazione cosmica dello spazio.

Dopo che i batteri ed i funghi sono stati esposti a vari livelli di radiazioni nell’esperimento, il team di Daly ha misurato la quantità di antiossidanti al manganese accumulati nelle cellule dei microbi. Gli antiossidanti del manganese si formano a seguito dell’esposizione alle radiazioni, e sono il risultato del meccanismo di protezione microbica. Conan il batterio è stato il chiaro vincitore. I ricercatori hanno scoperto che il batterio potrebbe assorbire fino a 28.000 volte più radiazioni di un essere umano. Questa misurazione ha permesso al team di Daly di stimare per quanto tempo il microbo potrebbe sopravvivere a diverse profondità su Marte.

Nei precedenti esperimenti, in cui Conan il batterio era stato sospeso in acqua liquida e sottoposto a radiazioni simili a quelle trovate su Marte, avevano indicato una capacità di spravvivenza su Marte per 1,2 milioni di anni. Tuttavia, i nuovi test, in cui il batterio è stato congelato ed essiccato per imitare le condizioni fredde e secche su Marte, hanno suggerito che sarebbe in grado di vivere 280 milioni di anni su Marte se sepolto a una profondità di appena 10 metri. 

Nuove prospettive di ricerca

“Sebbene Deinococcus radiodurans sepolto nel sottosuolo marziano non possa sopravvivere inattivo per i 2 miliardi di anni stimati da quando l’acqua corrente è scomparsa su Marte, tali ambienti marziani vengono regolarmente alterati e sciolti dagli impatti dei meteoriti” ha affermato Daly . “Suggeriamo che lo scioglimento periodico potrebbe consentire il ripopolamento e la dispersione intermittenti”.

Questo cambia tutte le nostre prospettive di ricerca futura sul pianeta rosso. Le prossime missioni su Marte alla ricerca della vita dovranno concentrarsi su grandi crateri di età inferiore a 280 milioni di anni. Il Gale Crater, che il rover Curiosity della NASA sta esplorando, ha 3,8 miliardi di anni. Il cratere Jazero, dove sta lavorando il rover Perseverance, ha probabilmente un’età simile. Tuttavia, i crateri più giovani abbondano sulla superficie di Marte. Per esempio, il cratere Tooting , largo 28 km nell’Amazzonis Planitia a ovest di Olympus Mons, pare abbia solo centinaia di migliaia di anni.

La ricerca ha anche determinato perché Conan è così resistente alle radiazioni. Gli scienziati hanno scoperto che i cromosomi ei plasmidi, che trasportano informazioni genetiche, nelle cellule del microbo sono collegati tra loro, il che mantiene allineate queste strutture e impedisce alle cellule irradiate di rompersi fino a quando non possono essere riparate. Questa durabilità significa che le missioni future, come il rover Rosalind Franklin dell’Agenzia spaziale europea (ESA) che scaverà in profondità su Marte alla ricerca di vita microbica, potrebbero trovare il cugino marziano di Conan il batterio, se esiste. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *