Relativity Space: il razzo stampato 3D

Il razzo Relativity Space stampato in 3D
Il razzo Relativity Space stampato in 3D. Credit: Relativity Space

Relativity Space si sta preparando per il primo lancio di prova del suo razzo Terran 1, che è quasi interamente stampato in 3D. Il lancio, programmato da tempo, dovrebbe avvenire in questo mese, Ottobre 2022. La prima fase del veicolo di lancio è già stata lanciata sulla rampa di lancio LC-16 della base dell’aeronautica americana a Cape Canaveral.

Relativity Space è una società aerospaziale statunitense fondata nel 2015 che ha costruito la stampante 3D per la stampa di metalli più grande del mondo. Grazie a questa stampante sta costruendo la maggior parte delle parti per il suo razzo Terran 1. Sebbene un lancio di prova debba ancora arrivare, la società ha già firmato un accordo pluriennale con OneWeb del valore di 1,2 miliardi di dollari. 

Il razzo 3D di Relativity Space

Terran 1 è un razzo di classe leggera a due stadi monouso in grado di lanciare 1.479 kg di carico utile in orbita terrestre bassa. Il primo stadio Terran 1 è dotato di nove motori Aeon 1 a metano-ossigeno progettati da Relativity Space, il secondo stadio ha un motore AeonVac ottimizzato per il vuoto. Le strutture del primo e del secondo stadio sono stampate su una stampante 3D Stargate da una lega di alluminio non rivelata. Viene stampato il 90% della massa del veicolo di lancio Terran 1. 

La lavorazione di una sezione del razzo realizzata con una stampante 3D in grado di modella re i metalli. Credit: Relativity Space

La data esatta del primo lancio di Terran 1, che si chiama GLHF (Good Luck, Have Fun) e non trasporta un carico utile, è ancora sconosciuta. Secondo alcune indiscrezioni sembrerebbe essera stato programmato un lancio di prova entro Ottobre. Attualmente, altri 6 lanci di Terran 1 sono previsti entro la fine del 2022, già con carichi utili dalla NASA, Spaceflight, Momentus e altri clienti.

Nel contempo gli uomini di Relativity Space stanno già sviluppando un veicolo di lancio Terran R di fascia media, che sarà equipaggiato con motori Aeon R molto più potenti, già anch’essi in fase di sviluppo. Sarà in grado di lanciare già 20.000 kg di carico utile in orbita terrestre bassa e sarà completamente riutilizzabile. È questo tipo di razzo che dovrebbe lanciare nello spazio i satelliti OneWeb della nuova generazione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *