Energia solare spaziale: la nuova frontiera energetica

Un concetto di un dimostratore in orbita di un satellite che irradia energia solare basato sullo spazio.
Un concetto di un dimostratore in orbita di un satellite che irradia energia solare basato sullo spazio. Credit: ESA

L’Agenzia spaziale europea (ESA) chiederà ai suoi Stati membri di finanziare un programma preliminare per la produzione di energia solare spaziale, in un importante incontro calendarizzato per la fine dell’anno. Il programma Solaris, esplorerebbe l’enorme potenziale della generazione di energia solare nello spazio (SBSP).

Il progetto sarebbe in grado di fornire energia pulita e contribuire alla decarbonizzazione. La collaborazione tra ESA e l’industria europea, valuterà la fattibilità tecnica. I vantaggi, le opzioni di implementazione, le opportunità commerciali e i rischi della tecnologia emergente saranno presentati in un relazione successiva all’incontro.

Energia solare prodotta nello spazio

SBSP, prevede la raccolta di energia solare con enormi pannelli in orbita geostazionaria, un’orbita all’altitudine di 36.000 km in cui i satelliti appaiono sospesi sopra un punto fisso sulla Terra. Senza l’ostruzione dell’atmosfera terrestre, le centrali solari spaziali, genererebbero energia in modo più efficiente rispetto alle piante e la invierebbero a terra, per la conversione in elettricità.

L’ESA descrive il programma Solaris come, una risposta all’attuale crisi del cambiamento climatico sulla Terra e una potenziale fonte di energia pulita, conveniente, continua, abbondante e sicura. Entro il 2025 verrà presa una decisione sull’andare avanti con un programma di sviluppo SBSP europeo, ha affermato l’agenzia in una nota (rif.).

“L’energia solare spaziale sarebbe un passo importante verso la neutralità del carbonio e l’indipendenza energetica per l’Europa. Due recenti studi indipendenti raccomandano vivamente di investire per far avanzare le tecnologie SBSP necessarie per affrontare la nostra crescente crisi energetica” ha affermato in un Tweet il direttore generale dell’ESA Josef Aschbacher.

Studi di fattibilità

I primi due studi costi/benefici sull’energia solare basata sullo spazio (SBSP) per il fabbisogno energetico terrestre, sono stati condotti all’inizio di questo mese. “Abbiamo già gli elementi costitutivi principali, ma vorrei essere chiaro: affinché il progetto abbia successo, sono ancora necessari molto sviluppo tecnologico e finanziamenti”, ha confermato in una nota Aschbacher.

La proposta di Solaris sarà presentata al Consiglio dei ministri dell’ESA a novembre, ma non si sa quanti finanziamenti si stiano cercando. L’obiettivo finale di SBSP sarebbe aiutare la transizione dell’Europa verso un mondo a zero emissioni di carbonio entro il 2050. Il concetto di SBSP è emerso per la prima volta negli anni ’60, ma recentemente è diventato di grande interesse in numerosi paesi. 

Il Regno Unito ha espresso il suo interesse per un sistema SBSP all’inizio del 2022. La Cina invece sta pianificando i primi test orbitali prima della fine del decennio, come trampolino di lancio per un sistema a livello di gigawatt entro la metà del secolo. Negli Stati Uniti, anche la NASA è interessata allo studio dell’SBSP. Nel contempo un progetto parallelo, sostenuto da diversi miliardari al Caltech di Pasadena, sta già lavorando all’hardware per la raccolta dell’energia solare nello spazio. Pur promettendo una fonte di energia pulita e continua, l’energia solare spaziale deve affrontare grandi sfide sotto forma di ostacoli tecnologici, economici, politici e di altro natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.