Ax-1: prima missione privata sulla ISS

La capsula Ax-1
La capsula Dragon Ax-1 montata sul vettore Falcon9 di SpaceX. Credit: Axiom Space

Una missione pionieristica di astronauti è in viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Un razzo SpaceX Falcon 9 ha lanciato l’Ax-1, una missione della compagnia con sede a Houston Axiom Space, oggi 8 aprile alle 11:17 EDT (15:17 GMT) dal Kennedy Space Center della NASA, sulla Space Coast della Florida. Nessuno dei quattro membri dell’equipaggio dell’Ax-1 è un astronauta appartenente a qualche agenzia spaziale governativa. AX-1 e quindi la prima missione con equipaggio completamente privata ad essere lanciata nel laboratorio orbitante del ISS.

“Insieme, inizia un nuovo capitolo”, ha detto Jon Rackham di Axiom Space durante un webcast del lancio di oggi. Ax-1 è la prima missione con equipaggio completamente privato sulla ISS, ma non è il primo viaggio in orbita interamente civile. La prima è stata Inspiration4, una missione di tre giorni per quattro persone che SpaceX ha lanciato a settembre 2021.

Ax-1 la prima volta dei privati

Con il decollo, l’equipaggio ha ufficialmente iniziato un viaggio di 10 giorni che includerà otto giorni a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. La capsula SpaceX Dragon di Ax-1 attraccherà al laboratorio orbitante intorno alle 7:45 EDT (11:45 GMT) di domani. Ax-1 ha segnato il quinto volo per il primo stadio di questo Falcon 9. Il booster ha anche effettuato il suo quinto atterraggio, scendendo dopo 10 minuti dal decollo sulla nave drone SpaceX A Shortfall of Gravitas, nell’Oceano Atlantico.

“È passato circa un anno e mezzo di duro lavoro da quando abbiamo progettato la missione, essenzialmente da zero, facendo qualcosa che non era mai stato fatto prima esattamente in questo modo”, ha detto Derek Hassmann, direttore operativo di Axiom Space, durante una conferenza stampa pre-lancio ieri. “È molto gratificante”. Ax-1 è comandato dal ex astronauta della NASA in pensione Michael López-Alegría, che ora è vicepresidente dello sviluppo aziendale per Axiom. È adesso in viaggio insieme al pilota di missione Larry Connor e agli specialisti di missione Eytan Stibbe e Mark Pathy.  

Gli astronauti

Connor è un imprenditore immobiliare e pilota che ha familiarità con 16 diversi velivoli. Pathy è CEO e presidente della società canadese di investimenti sostenibili MARVIK mentre Stibbe è il partner fondatore del fondo di investimento Vital Capital Impact. Per anni pilota di caccia con l’Aeronautica Militare Israeliana (IAF), sarà la seconda persona israeliana in assoluto a raggiungere lo spazio. 

L’equipaggio della missione Ax-1 di Axiom Space. Credit: Axiom Space

Il comandante López-Alegría non ha pagato per il suo posto a bordo della missione e aiuterà a guidare gli altri membri dell’equipaggio durante il viaggio. Si pensa che ciascuno degli altri tre membri dell’equipaggio abbia speso circa $ 55 milioni per il suo posto.  Tuttavia, López-Alegría e altri membri del team della missione hanno sottolineato che i tre clienti paganti non sono “turisti spaziali”. “Ax-1 è una missione privata ed chiamata troppo spesso turismo spaziale”, ha detto López-Alegría, “Direi che non è affatto turismo. Questo è un vero lavoro che richiede molta preparazione e non credo che sarà rilassante”, ha aggiunto. 
 
“L’equipaggio è molto ben addestrato; hanno trascorso molte centinaia di ore a prepararsi per questo volo”, ha detto l’ex astronauta della NASA Peggy Whitson, che ora è il direttore del volo spaziale umano di Axiom Space, durante una conferenza pre-volo.

Le missioni dell’equipaggio

La missione privata Ax-1 ha una serie di compiti pianificati per la missione, come condurre 25 diversi esperimenti scientifici. Tra questi esperimenti c’è un “brain headset”, il casco nell’immagine sotto, della startup israeliana Brain Space che Stibbe sta portando con sé. Questo esperimento mira a osservare ed analizzare come si comporta il cervello nello spazio. Gli esperimenti dell’equipaggio dell’Ax-1 studieranno anche altri temi, tra cui l’invecchiamento, le cellule staminali, la salute del cuore e altro.

“Questo rappresenta davvero il primo passo. Un gruppo di individui che vogliono fare qualcosa di significativo nell’orbita terrestre bassa, che non sono membri di un governo, possono finalmente cogliere questa opportunità”, ha detto Michael Suffredini, presidente e CEO di Axiom Space, durante la conferenza stampa del 1 aprile.  Tutto questo rappresenta per Axiom Space qualcosa di più impegnativo. In realtà è il primo grande passo verso la realizzazione della propria stazione spaziale commerciale in orbita terrestre bassa (LEO), che sarà anche la prima del suo genere. 

“La società è stata costituita per costruire la prossima stazione spaziale commerciale”, ha detto Hassmann durante il briefing di ieri. Ed ha aggiunto che Ax-1 è una missione precursore della costruzione di quella stazione. “Lanceremo il primo modulo della stazione spaziale commerciale alla fine del 2024. Sarà collegata alla ISS e sarà costruirà gradualmente tra il 2024 ed il 2030”, ha affermato Hassman.“Quindi questa missione è la prima di molte che porteranno al lancio del modulo nel 2024”, ha aggiunto. Un nuovo player privato si affaccia oggi nella corsa allo spazio del XXI secolo. Anche Axiom Space, come i tanti competitor, da un semplice lancio porta con se un piani più ambiziosi. Non resta che attendere i futuri sviluppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *